Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Accordi di Ripartizione dei Costi derivanti dalla prestazione di servizi infragruppo (CCA)

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Elena Poletti Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 550 click dal 21/12/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Elena Poletti

Mostra/Nascondi contenuto.
Pagina 16 di 149 La relazione tra transfer pricing decision - making ed i processi amministrativi e strategici è stata recentemente ripresa e rielaborata nell’ambito della teoria dei giochi 21 e si è concluso che “[…] When a transfer- pricing policy fails to match a specific strategy, significant problems can arise and ambiguity in a company’s strategy may occur” 22 . Essendo quindi dimostrabile la correlazione con le variabili precedentemente trattate, è necessario evidenziare come la dinamica strategica rappresenti il riferimento “a monte” dell’albero decisionale societario. Le varie configurazioni aziendali, frutto del processo decisionale, definiscono l’ambiente economico in cui le entità del gruppo operano. Il profilo funzionale delle singole entità viene definito dalla forza contrattuale, dall’allocazione dei rischi e dalle funzioni stabilite che definiranno i rapporti ed una configurazione societaria specifica. All’interno di qualsiasi configurazione aziendale, una società assume contemporaneamente la qualità di impresa indipendente e di impresa che esercita il controllo, controllata o che è soggetta a comune controllo 23 . Nei processi di determinazione del prezzo di trasferimento le singole legal entity devono valutare la transazione come se un’ipotetica società comparabile ed indipendente avesse negoziato per la prestazione del medesimo servizio. A ciascuna impresa viene quindi attribuito il reddito che avrebbe conseguito indipendentemente dal rapporto di controllo, per la necessità di neutralizzare i condizionamenti derivanti dall’esistenza di specifici rapporti economici 24 . Il processo logico - economico di comparabilità tra le transazioni si muove tra la reale operazione intercorsa inter-company e l’operazione campione, 21 Si veda in particolare lo studio di Pogorelova, Transfer- pricing and Game theory, Intertax, 2015. 22 Per la citazione, Pogorelova L., Transfer-pricing and Game Theory (2015), Intertax, Vol.43, pag. 398. 23 Si richiama il D.P.R. 22 dicembre 1986 (TUIR), art. 110, comma 7:” I componenti del reddito derivanti da operazioni con società non residenti nel territorio dello Stato, che direttamente o indirettamente controllano l’impresa, ne sono controllate o sono controllate dalla stessa società che controlla l’impresa”. 24 Tale approccio viene definito all’interno delle Guide lines OCSE (2010), par. 1.6, come Separate entity approach “treats the members of an MNE group as if they were independent entities, attention is focused on the nature of the transactions between those members.”
Estratto dalla tesi: Accordi di Ripartizione dei Costi derivanti dalla prestazione di servizi infragruppo (CCA)