Skip to content

Percezione del sé e costruzione di genere tra gli adolescenti. Un contributo di ricerca

Estratto della Tesi di Irene Lisa Gargano

Mostra/Nascondi contenuto.
12 come “anomalie cromosomiche” o “aberrazioni genetiche”, quindi patologiche) (cfr. Busoni 2009: 45). Spesso i tipi sessuali “anormali” vengono definiti tali in seguito ad una manifestazione dei caratteri fenomenici divergente da quelli definiti come normativi, o da quelli previsti dal carattere cromosomico dell’individuo (possiamo, a tal proposito, far riferimento al caso dei cosiddetti “maschi inusuali” 23 , la cui definizione rende piuttosto esplicita l’ideologia che sottende, spesso, il mondo scientifico), rendendo così l’attribuzione del concetto di normalità o anormalità come strettamente connesso con la percezione del genetista (cfr. Hood-Williams 1996 cit. in Busoni M. 2009: 45-48). I suddetti “tipi sessuali” vengono racchiusi nel cosiddetto concetto di intersessualità 24 (spesso confuso con l’“ermafroditismo”), concetto abitualmente medicalizzato dal mondo scientifico e dalla maggior parte delle società occidentali (Busoni 2009): in casi di intersessualità, infatti, gran parte delle società contemporanee sono solite far riferimento alla naturalizzazione della dicotomia sessuale, che pone le basi sull’assioma secondo cui in natura esistano esclusivamente due forme strutturali che individuano il singolo all’interno di una soltanto delle due categorie sessuali (nonostante sia noto come il mondo naturale presenti casi divergenti e, quindi, forme altre, non rientranti nelle due categorie) (cfr. Harper 2007; Gamberi, Maio, Selmi 2012). A questo è legata la frequente tendenza dei medici ad intervenire chirurgicamente nei casi di neonati con genitali ambigui 25 , divenendo (talvolta senza il coinvolgimento dei genitori, altre volte con il loro pieno assenso) detentori dell’attribuzione di un sesso biologico standard (evidentemente inerente alle aspettative culturali) che andrà ad avere forti ripercussioni sullo sviluppo dell’ identità sessuale (e psicologica) che l’individuo sarà costretto a far rientrare nella categoria culturale scelta per 23 Vennero definiti tali gli individui portatori di formula cromosomica XX manifestanti caratteri fenotipici maschili, che vennero identificati durante alcuni test basati sulla teoria cromosomica che vennero introdotti alla fine degli anni ’70 nelle gare olimpioniche, per accertare il sesso di atlete ed atleti e verificare a quale sesso realmente appartenessero (Laqueur 1992; Hood-Williams 1996: 1-16). 24 Termine con il quale s’intende far riferimento sia a individui che presentano contemporaneamente il tessuto testicolare e quello ovarico (il cosiddetto “ermafroditismo vero”), sia a quelli che presentano ovaie o testicoli ma genitali esterni ambigui, che, ancora, a quelli che sono portatori di un corredo cromosomico xx o xy, ma presentano caratteri fenotipici tipici dell’altro (chiamato anche “pseudoermafroditismo”), o a quelli che presentano un corredo cromosomico divergente dai suddetti (cfr. Saraceno, Piccone-Stella 1996: 95-115). Spesso i suddetti individui vengono erroneamente definiti “bisessuali”, intendendo con questo termine non tanto l’orientamento sessuale dell’individuo, quanto piuttosto la compresenza dei due sessi all’interno dello stesso corpo. 25 Si ritiene fondamentale sottolineare come i casi in cui vengono effettuati interventi chirurgici per modificare tali “anomalie” per ovviare a problemi di salute costituiscono soltanto una piccola percentuale degli interventi di questo tipo che vengono effettuati, benché si tenda spesso a giustificare un intervento precoce proprio con la preoccupazione data dai pericoli che la condizione di salute del neonato potrebbe dover fronteggiare (cfr. Saraceno, Piccone-Stella 1996).
Estratto dalla tesi: Percezione del sé e costruzione di genere tra gli adolescenti. Un contributo di ricerca

Estratto dalla tesi:

Percezione del sé e costruzione di genere tra gli adolescenti. Un contributo di ricerca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Irene Lisa Gargano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Gabriella D'Agostino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi