Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Orientarsi al confine. Limite, soglia, frontiera, punto limite nelle Scienze dell'educazione

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Carlo Roccato Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 472 click dal 02/02/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Carlo Roccato

Mostra/Nascondi contenuto.
14 riferimento e attuazione nella pedagogia della persona intesa come: “teoria e prassi della comprensione dell’uomo in quanto soggetto trascendentale e dell’impegno per la sua realizzazione nella forma della libertà e dello spirito tramite la coscienza e a partire dalle strutture funzionali di cui è dotato” 9 . Si costituisce in tal senso una nuova soglia di ingresso nelle tematiche formative attraverso l’interpretazione di ogni possibile segno o indicazione che possa dare spunto per il raggiungimento di obiettivi in linea con la visione globale della persona nella sua piena interezza esistenziale. Varcare la soglia della funzione ermeneutica significa aprirsi ad ogni possibile intervento educativo che comporti lo sviluppo di forme di conoscenze, comprensione del mondo e pensiero più elevato tali da attribuire un maggior senso di realtà al contesto di vita ed di agire coerentemente ad essa. Parimenti a livello della possibilità di immaginazione e pensiero creativo si realizza lo sviluppo delle capacità di risolvere problemi, di collegare e reinterpretare le esperienze del passato in funzione delle possibilità future, nonché il rafforzamento delle capacità riflessive della persona orientate all’autocoscienza. Ne discende come ulteriore conseguenza un deciso miglioramento dei comportamenti riferiti ai principali ideali della vita che attribuiscono vero significato alla vita stessa e dei necessari ed indispensabili momenti di relazione con gli altri per la creazione del proprio spazio relazionale dove esprimere il proprio sé e poter accogliere ogni possibile contributo dell’altro nel rapporto interpersonale del dialogo. Il dialogo è ciò che implica l’ascolto vicendevole come disposizione fondamentale ad accettare sia la dignità della persona dell’altro, sia per il contributo cognitivo che ne può risultare. Il dialogo costituisce lo spazio nel quale accettare, condividere e riconoscere le eventuali differenze di autorità o potere, di saperi e di principi espressi, nella piena consapevolezza di aprirsi alla conoscenza ed ai valori rappresentati evitando posizioni monolitiche o di ricerca di dominio. In questa 9 EMANUELE ISIDORI, Ermeneutica e pedagogia della persona, dal dialogo alla cura, Aracne, Roma 200
Estratto dalla tesi: Orientarsi al confine. Limite, soglia, frontiera, punto limite nelle Scienze dell'educazione