Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'eredità di Obama: una viaggio nella storia attraverso la comunicazione

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni

Autore: Roberta De Angeli Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 321 click dal 24/02/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Roberta De Angeli

Mostra/Nascondi contenuto.
sistema politico sia inferiore a quella dell’ambiente in cui vive; per mezzo di alcuni sottosistemi, come partiti politici e pubblica amministrazione, il sistema politico genera nuova complessità allo scopo di ritrovare equilibrio. […] Se è vero che l’universo politico funziona come un sistema allora è possibile rinvenirne due piani distinti: il significante, ossia la dimensione sensibile-espressiva della “praxis politica”, e il significato in cui il significante assume valori (ideali e pratici) semantici per tutti gli attori della comunicazione politica, dai politici stessi agli elettori. Si tratta di un sistema autonomo sia sul piano strutturale che su quello operativo. È necessario precisare che la teoria generale di ogni sistema autopoietico postula l’individuazione del soggetto produttore di autopoiesi. Da questa prospettiva luhmaniana si evince che la comunicazione trova nel linguaggio il principale mediatore tra sistema e coscienza, “quello che garantisce la regolare e continua autopoiesi della società” 3 . Senza linguaggio non vi sarebbe autopoiesi del sistema. La teoria dei sistemi è un ottimo punto di partenza per constestualizzare la comunicazione entro un determinato frame. il concetto luhmaniano si espande notevolmente ritenendo opportuno non addentrarsi ulteriormente per evitare rischiosi allontanamenti dall’intento iniziale. Rischiando di allontanarmi dall’intento iniziale, ritengo opportuno non addentrarmi ulteriormente nel complesso concetto luhmaniano. “Nel caso dei sistemi sociali, questo accade mediante la comunicazione in cui risiedono tutte le proprietà che sono necessarie per l’autopoiesi del sistema: essa è una operazione genuinamente sociale (…) perché presuppone il concorso di un gran numero di sistemi di coscienza ma, proprio per questo, come unità, non può essere imputata a nessuna coscienza singola. Essa è sociale perché in nessun modo può essere prodotta una coscienza”comune” collettiva, cioè non può essere raggiunto il consenso nel senso di un accordo completo: eppure la comunicazione funziona”. 8 3 NIKLAS LUHMNANN, De Giorgi R. , Teoria della società, Franco Angeli, Milano. 1992
Estratto dalla tesi: L'eredità di Obama: una viaggio nella storia attraverso la comunicazione