Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Famiglia Terapeutica: un percorso di tirocinio nell'Associazione Famiglie per l'Accoglienza

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Manola Gotti Contatta »

Composta da 34 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 316 click dal 17/02/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Manola Gotti

Mostra/Nascondi contenuto.
10 4. IL SERVIZIO FAMIGLIE TERAPEUTICHE Il valore fondamentale, in cui la Cooperativa AFA crede, è la famiglia. Prendendo spunto dalla legge regionale n°23 del 1999: “Politiche regionali per la famiglia”, la Cooperativa intende la famiglia come il primo luogo dell’umanizzazione della persona. Gli individui in essa coinvolti sono chiamati a formare una comunità in virtù della quale, mediante processi empatici, intelligenza e volontà si sostengono a vicenda, crescono nella mutua donazione, sono inclini ad ascoltarsi e dialogare per infondere consistenza e vigore alla loro vita. Quando questa unità affettiva e sociale non si può realizzare, a causa di problemi che insorgono all’interno del nucleo familiare, la Cooperativa AFA risponde con delle proposte volte non a sostituire, ma a supportare la famiglia sofferente al fine di spezzare la catena generazionale multiproblematica. Nello specifico, il servizio Famiglie Terapeutiche si avvale della collaborazione di numerose famiglie appartenenti al territorio della Bergamasca ed offre spazi di accoglienza in ambito familiare di minori in particolare molto piccoli (da pochi mesi a sei anni) per i quali non si ritiene attuabile, né opportuno, da parte dei Servizi Sociali invianti e del Tribunale per i Minori, l’inserimento in struttura comunitaria o l’avvio immediato di un progetto di affido etero familiare. In questo caso l’accoglienza presso le famiglie terapeutiche favorisce un maternage ed una relazione nutritiva con il bambino. Durante il periodo di permanenza del minore presso la Famiglia Terapeutica, l’AFA si avvale dell’intervento dei propri educatori professionali per sostenere il minore inserito in famiglia. A questa accoglienza si aggiunge la possibilità e/o risorsa di uno spazio neutro dove i minori possono incontrare i loro genitori alla presenza dell’educatore. Questo spazio offre la possibilità al bambino di relazionarsi con le figure genitoriali in una cornice di protezione e, qualora sia presente, di sospensione del conflitto per una migliore tutela del minore stesso. Le visite protette, garantendo la costante presenza dell’educatore di riferimento, si Fonte del paragrafo Il Servizio Famiglie Terapeutiche: • http://www.consorziofa.it/ITA/Default.aspx?SEZ=4&PAG=22
Estratto dalla tesi: La Famiglia Terapeutica: un percorso di tirocinio nell'Associazione Famiglie per l'Accoglienza