Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trasporto Automatico a Segnaletica Proiettata

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Claudio Di Fronzo Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 84 click dal 24/02/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Claudio Di Fronzo

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Capitolo I Mobilità aziendale Analisi mobilità aziendale Un’analisi approfondita della mobilità aziendale prevede di focalizzarsi su due elementi distinti: lo studio dei mezzi motorizzati in movimento all'interno degli stabilimenti industriali e della segnaletica che gestisce la viabilità di macchine e persone. Partendo dai mezzi di trasporto la categoria che interessa questa ricerca è quella legata ai macchinari addetti al trasporto merci. Essi sono di vario genere e si differenziano per la tipologia di lavoro dedicata e per forma e dimensione dei materiali che devono trasportare. Questa macro categoria si può dividere in tre serie principali: muletti elevatori, carrelli motorizzati e motrici per il traino di carrelli. Un altro elemento importante è la divisione in base alle modalità di guida, tra macchinari automatici e a guida manuale. I primi sono caratterizzati da una guida gestita da una centralina preimpostata che grazie a varie tipologie di sensori gestisce gli spostamenti della macchina e la rende autonoma. I secondi invece prevedono alla guida un operatore che ne gestisce gli spostamenti. Avere un veicolo autonomo e sprovvisto degli ingombri di una cabina per il conducente sono alcuni dei motivi principali che hanno portato questo progetto a seguire la linea della movimentazio- ne automatica. Unendo i vari macchinari con le due tecnologie di movimento indicate si ha un'idea di quelli che sono i veicoli che compongono lo scenario di movimentazione aziendale odierno. Ognuno di essi ha compiti precisi che andremo a studiare successivamente. Anche nel campo della segnaletica aziendale ci troviamo a dover analizzare più tipologie. Per tutte comunque la base e le norme vengono mutuate da quella stradale, poiché in molte zone di lavoro è previsto anche il transito di veicoli esterni alle aziende. Sono quindi presenti segnali verticali e orizzontali che ripropongono sia per forma che per immagine i simboli stradali. A variare in alcune situazioni sono i limiti di velocità - di solito posti a 6 km/h - e altri fattori che devono rispettare la scheda di valutazione rischi stilata dall'azienda, secondo l'articolo Legge 81/2008 (salute e sicurezza sul lavoro). Questa scheda serve a delineare delle regole straordinarie per tutelare la salute dei lavoratori adeguando misure di prevenzione e protezione. I diversi macchinari che si muovono con sistemi automatici o manuali e la segnaletica stradale sono le caratteristiche principali che servono a capire come funziona e come si muove il sistema di trasporto merci interno alle fabbriche. Nei prossimi capitoli analizzeremo nei particolari le varie tipologie di macchine automatiche esistenti e le situazioni di viabilità per capire dove e come poter intervenire per migliorare il sistema e renderlo più efficiente e sicuro.
Estratto dalla tesi: Trasporto Automatico a Segnaletica Proiettata