Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diagnosi molecolare della malattia celiaca attraverso studi di espressione genica

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Biologiche

Autore: Domenico Pacifico Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 338 click dal 03/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Domenico Pacifico

Mostra/Nascondi contenuto.
[13] Protocollo diagnostico 1.3.1 Sierologia: significato dei test anticorpali e utilità diagnostiche. A partire dalla fine degli anni ’70, sono stati individuati una serie di marcatori immunologici, la cui positività caratterizza la MC in fase florida. Questa scoperta non solo ha permesso di sviluppare un percorso diagnostico, ma anche la comprensione epidemiologica, del polimorfismo clinico e dei meccanismi patogenetici della intolleranza al glutine23 F 24, 24F 25 . In ordine temporale gli anticorpi antireticolina (ARA) sono stati i primi ad essere utilizzati nella diagnosi di MC, soprattutto ad opera di alcuni autori finlandesi. Il test identifica anticorpi diretti contro lo stesso antigene responsabile della EMA- positività. L’esame è andato progressivamente in disuso a causa della scarsa sensibilità e specificità rispetto ai successivi tests. Successivamente sono stati introdotti gli anticorpi antigliadina (AGA), gli anticorpi antiendomisio (EMA) e gli anticorpi antitransglutaminasi (tTG). Anticorpi antigliadina (AGA) Questo test è entrato nella pratica clinica a partire dagli inizi degli anni ’802 5F 26 . La gliadina rappresenta la frazione alcool-solubile del glutine, in grado di attivare la risposta immunitaria a livello della mucosa intestinale causando l’atrofia dei villi. In fase florida di malattia, sono presenti anticorpi sierici diretti contro la gliadina, che tendono a scomparire dopo l’avvio della dieta senza glutine. Vengono dosati in parallelo sia gli AGA di classe A che di classe G, questi ultimi più sensibili. Il test viene eseguito con tecnica automatizzata ELISA; i risultati sono espressi in termini quantitativi26F 27, 27F 28 . La diffusione di questo test ha permesso di scoprire una frequenza alta di MC, il cosiddetto icerberg celiaco, sia in pazienti con MC atipica che in pazienti apparentemente asintomatici. Nel 1996 fu pubblicato uno studio multicentrico su oltre 17000 studenti italiani utilizzando il dosaggio di AGA-IgA e AGA-IgG come test di primo livello per screening di MC. La celiachia fu stimata con una frequenza di un caso ogni 184 24 Holmes GKT, Catassi C. Coeliac disease. Oxford (UK) : Health Press- Fast Facts, 2000. 25 Fasano A, Catassi C. Current approaches to diagnosis and treatment of celiac disease: an evolving spectrum. Gastroenterology; 2001: 120: 636-51. 26 Haeney MR, Asquith P. In-vitro immunological assay for diagnosis of coeliac disease. Lancet 1978; i: 876. 27 Troncone R, Ferguson A. Anti-gliadin antibodies. J Pediatr Gastroenterol Nutr 1991; 12: 150-8 28 Catassi C, Fabiani E, Gasparin M, Troncone R. Quantitative antigliadin antibody measurement in clinical practice; an Italian multicentre study. Ital J Gastroenterol Hepatol 1999; 31: 366-70
Estratto dalla tesi: Diagnosi molecolare della malattia celiaca attraverso studi di espressione genica