Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione di alcuni effetti dell'applicazione in serra e in campo di rizobatteri promotori della crescita, combinati con funghi micorrizzici arbuscolari

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Manuela Orlando Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 91 click dal 08/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Manuela Orlando

Mostra/Nascondi contenuto.
Ad esempio (Viruel e alt . ,2011) in uno studio di ceppi di fosfobatteri autoctoni isolati dalla Puna , a nord- ovest dell ‘ Argentina, è stato dimostrato che hanno la capacità di solubilizzare fosfato e di produrre fosfatasi alcalina. L'attività P - solubilizzante determina un abbassamento di pH del fosfato per tutti i ceppi dopo 72 h di incubazione. Questi ceppi appartengono ai generi Pantoea , Serratia , Enterobacter , e Pseudomonas e quindi sono validi per una successiva applicazione in campo agricolo come biofertilizzanti. Sfortunatamente l'applicazione commerciale di PGPB - fosfato solubilizzante è stato piuttosto limitato . Infatti , gli effetti positivi più consistenti dell'applicazione batteri - fosfato solubilizzante si vedono quando questi batteri sono co - inoculati con batteri con altre capacità fisiologiche come la fissazione di N 2. Per esempio in uno studio del 2003 al 2005 sono stati testati due ceppi di Bacillus OSU - 142 ( fissazione dell’ azoto) e M3 ( azoto fissatore e fosfato solubilizzante ) da soli o in combinazione sulla coltivazione biologica di lampone ( cv. Heritage )nella provincia di Erzurum , in Turchia . I risultati hanno mostrato che il trattamento Bacillus M3 stimola la crescita delle piante e provoca un aumento significativo della resa . L'inoculazione delle radici delle piante di lamponi e della rizosfera con M3 e / o OSU -142 + M3 , ha aumentato notevolmente il rendimento ( 33,9% e 74,9 % ) , la lunghezza del frutto ( 13,6 % e 15,0 % ) , il numero di cluster di ogni frutto ( 25,4% e 28,7 %) e il numero di acini per frutto( 25,1 % e 36,0 % ) rispetto alla coltura di controllo. Il dato più interesse riguarda appunto la solubilizzazione del fosfato . Il contenuto di P nel suolo all’ inizio dello studio è stato determinato 1,55 kg P2O5/ che è aumentato a 5,36 kg P2O5/in seguito all’ inoculazione di M3 e a 4,71 kg P2O5/dal trattamento OSU -142 + M3 (Orhan e alt. , 2006). Il sequestro del ferro Nonostante il ferro sia il quarto elemento più abbondante sulla terra non è facilmente assimilato da batteri o dalle piante perché la forma predominante in natura è lo ione ferrico (Fe +3) , ed è scarsamente solubile per cui la quantità di ferro disponibile per gli organismi viventi è estremamente bassa . Per sopravvivere con una quantità così limitata di ferro , i batteri sintetizzano siderofori a basso peso molecolare ( massa ~ 400-1500 Da) , molecole con l'eccezionale alta affinità per il Fe +3 ( Ka v 1023-1052 ), e recettori di membrana in grado di legare il complesso Fe - siderofori , facilitando così l'assorbimento del ferro da parte dei microrganismi . Alcuni rizobatteri promuovono la crescita aumentando l’assorbimento di Fe delle piante attraverso la riduzione di Fe ( III ) a Fe ( II ) sulla superficie della radice . In uno studio quattro ceppi batterici ( UMCV1 a UMCV4 ) che mostrano la capacità di ridurre Fe sono stati isolati dalla rizosfera di piante di fagioli e mais ed identificati poi come Bacillus megaterium e Arthrobacter spp . , rispettivamente , mentre UMCV3 e UMCV4 sono stati identificati come Stenotrophomonas maltophilia .Gli isolati batterici sono stati in grado di stimolare la crescita della pianta in vitro e in campo; le piante coltivate nel terreno con l’ inoculo erano generalmente più grandi e soprattutto avevano un contenuto di Fe superiore a quelle coltivate in suolo sterilizzato . (Valencia-Cantero e al. , 2007 ) . I benefici diretti di siderofori di origine batteriche sulla crescita delle piante sono state dimostrati in diversi tipi di esperimenti . Ad esempio (Sharma e al. ; 2003) piante di fagioli , inoculate con siderofori prodotti da 8
Estratto dalla tesi: Valutazione di alcuni effetti dell'applicazione in serra e in campo di rizobatteri promotori della crescita, combinati con funghi micorrizzici arbuscolari