Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ferdinando di Annibale Ruccello nella messa in scena di Isa Danieli, 2006

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Carlotta De Lorenzo Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7 click dal 11/12/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Carlotta De Lorenzo

Mostra/Nascondi contenuto.
16 Quanto alla pratica teatrale: sono gli anni del declino delle neoavanguardie, dell’affermazione di una nuova spettacolarità che esce dai teatri underground per rivolgersi al pubblico di massa, edonista e disimpegnato. Si ritorna alla centralità del testo letterario e dell’autore, al teatro di parola e di narrazione. L’opera teatrale diventa anzitutto un prodotto, peraltro marginale, visti gli introiti nettamente inferiori rispetto a quelli di cinema e televisione. Si afferma il teatro post-moderno che sostituisce il pensiero razionale con l’eccitazione sensoriale e che reagisce al senso di sconfitta della storia e della razionalità con un approccio policentrico e relativista, adottando l’appropriazione come metodo compositivo. Ogni cosa confluisce nel citazionismo esasperato del post-moderno: letteratura, attualità, musica leggera, cinema, televisione, fumetto, e così via. In questo senso il teatro di Annibale Ruccello è pienamente post- moderno, come pure quello dell’amico e collaboratore di sempre, Enzo Moscato. Attore – autore, ma anche regista, cantante, poeta e saggista, tuttora considerato uno dei massimi esponenti della drammaturgia partenopea contemporanea, Enzo Moscato realizza un originalissimo melting pot di citazioni letterarie, filosofiche e psicologiche, autocitazioni, cultura popolare e spunti autobiografici. Protagonista è sempre Napoli, «espressione massima […] dell’ossimoro» 16 , una città ben diversa da quella descritta da Eduardo, una madre-matrigna in piena crisi d’identità e per questo popolata da personaggi ibridi, spesso transessuali, sempre smarriti e in fase di transizione. 16 E. MOSCATO, I materiali umani, ambientali, umorali, http://www.teatro.unisa.it/archivio/autori/moscato/pensieroteatrante/drammascena/mos cato_ambiente
Estratto dalla tesi: Ferdinando di Annibale Ruccello nella messa in scena di Isa Danieli, 2006