Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marketing Politico: dai partiti nazionali alle amministrative di Milano

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Baldeschi Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 98 click dal 14/12/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Andrea Baldeschi

Mostra/Nascondi contenuto.
14 quotidiano, quel programma TV). Il canale, come ci spiega Pastore 15 , è di fondamentale importanza per ottenere una comunicazione efficace. A questo punto, il messaggio necessita di essere decodificato dal ricevente, attraverso due fasi: - la denotazione, ovvero il significato letterale dell’informazione veicolata dall’emittente. - la connotazione, ovvero l’interpretazione soggettiva del ricevente stesso. Si badi inoltre al fatto che la connotazione dipende da diversi fattori legati all’esperienza e alle aspettative dell’individuo. Importantissimo, sotto questo punto di vista, è il contesto comunicativo: atteggiamenti, valori, status sociale, posizione, gerarchia possono rappresentare dei filtri importanti nella ricezione del messaggio, il quale potrebbe così rivelare un significato diverso rispetto alle aspettative della fonte. Una volta terminata la fase di decodifica, il ricevente esprime una risposta, gradevole o sgradevole, che si trasforma in feedback nel momento in cui essa viene rilevata dall’emittente. Il feedback, per l’azienda da cui parte il processo di comunicazione, è importantissimo. Esso infatti permette, in primis, di capire l’impatto del messaggio veicolato e, in un secondo momento, di migliorare il controllo del medesimo andando ad analizzare gli aspetti positivi e negativi nella decodifica da parte del ricevente. Il processo circolare di comunicazione non è un sistema chiuso, anzi. I rumori di fondo, oltre a generare un principio di distrazione che l’impresa (nel nostro caso il partito) deve tenere presente, avviano quel processo chiamato “Effetto Alone”: l’informazione veicolata dall’emittente raggiunge un target non previsto che può essere, da una parte, negativo (se il pubblico raggiunto non condivide il messaggio) e, dall’altra, positivo, qualora l’impatto non generi alcun fastidio. Ora, il processo circolare di comunicazione, utilizzato per lo più da aziende commerciali, può essere applicato anche a livello politico. Il candidato necessita infatti di sviluppare una comunicazione incisiva che riesca a fidelizzare l’elettorato attraverso un messaggio semplice, coerente e che sovrasti quei rumori di fondo dannosi ai fini elettorali. 15 Alberto Pastore, Maria Vernuccio, Impresa e Comunicazione. Principi e strumenti per il management, Apogeo, 2008
Estratto dalla tesi: Marketing Politico: dai partiti nazionali alle amministrative di Milano