Skip to content

Le residenze artistiche come strumento didattico e divulgativo: il caso Itinera

Estratto della Tesi di Cristina Diana Dimofte

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Francia a Roma 2 , seguendo le lezioni ed avendo così l’opportunità di vedere da vicino le opere d’arte dei famosi maestri antichi e rinascimentali dei quali non era raro che eseguissero delle copie da riportare in Francia, per costituire un museo di meraviglie utile a tutti coloro che, non avendo vinto, difficilmente potevano sostenere le ingenti spese di un Gran Tour in Italia. Gli Stati Uniti furono particolarmente attivi nel Novecento. Proprio all’inizio del secolo, nel 1900, finanziere Spencer Trask e la moglie poetessa, in mancanza di eredi diretti, decisero di lasciare in eredità la loro casa di Saratoga Springs nello stato di New York, a imprecisate future generazioni di pittori, compositori, scrittori e artisti. Fondarono dunque la Corporation of Yaddo: di fatto la prima residenza artistica newyorkese ancora oggi attiva per mostre, workshop e naturalmente residenze d’artista. Pochi anni dopo nasceva Woodstock Byrdcliffe Guild, una colonia aperta a tutti i creativi della contea di Woodstock nello stato di New York 3 . Infine, qualche decennio più tardi nacque il primo Gregory Fellowship in the Creative Arts, istituito nel 1950 dall’Università di Leeds in Gran Bretagna e voluto dal editore e mecenate inglese Peter Gregory. Il premio si rivolgeva soprattutto a poeti e prevedeva l’ospitalità nella comunità di Leeds allo scopo di creare un’opera originale. Sempre dedicata alla letteratura, ma questa volta nella vecchia Europa, possiamo segnalare il caso di Worpswede, un piccolo villaggio vicino a Brema, in Germania, frequentato da artisti come lo scrittore Rainer Maria Rilke e il pittore Heinrich Vogeler. Esisteva dunque la consapevolezza che gli artisti necessitassero di tempo per la propria ricerca personale e di un ambiente adeguato a sviluppare l’idea stessa dell’opera da realizzare. Con il passare del tempo poi le residenze artistiche si sono andate definendo anche sulla base delle tendenze più importanti nei diversi momento storici: nel secondo dopoguerra per esempio, gli artisti sentivano il bisogno di allontanarsi, di separarsi da una società vissuta come troppo borghese, e allo stesso tempo gli artisti chiedevano alla propria arte di produrre contenuti in grado di rieducare questa società “inquinata”, e gli artisti che vi si immergevano, per creare un nuovo sistema dell’arte. Negli anni Novanta il focus consisteva nella possibilità di creare nuovi centri artistici, mentre con l’arrivo del nuovo millennio gli obiettivi si sono spostati più verso 2 L’Accademia di Francia fu fondata per volere del Re nel 1666 da Jean-Baptiste Colbert, Charles Le Brun e Gian Lorenzo Bernini e ospitò, tra i tanti, artisti del calibro di Fragonard, Ingres e Debussy. 3 Denker, 2004
Estratto dalla tesi: Le residenze artistiche come strumento didattico e divulgativo: il caso Itinera

Estratto dalla tesi:

Le residenze artistiche come strumento didattico e divulgativo: il caso Itinera

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Diana Dimofte
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2016-17
  Università: Università per stranieri di Siena
  Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Claudio Pizzorusso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

siena
arte contemporanea
belgio
mecenatismo
artista
contrada
residenze artistiche
residence artistique
associazionismo artistico
échanges

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi