Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

POSSO AVERE PAURA. Percorso didattico nella scuola dell'infanzia

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Michela Barboglio Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 248 click dal 13/02/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Michela Barboglio

Mostra/Nascondi contenuto.
15 Altro argomento di interesse nello studio della CNV, è quello dei gesti e dei movimenti del corpo. “Vengono definitivi gesti quelle azioni che vengono prodotte sia intenzionalmente sia in modo spontaneo e involontario, rappresentando comunque una fonte importante comunicativa e informativa per chi osserva” (Grazzani Gavazzi et al., 2011, pag. 26). In chiave culturale, molti studi hanno individuato i gesti simbolici come indicatori precisi di significati e sono oggetto di apprendimento fin dai primi anni di vita (Anolli, 2004). La capacità di esprimere emozioni è una risorsa di cui disponiamo dall’inizio del ciclo di vita e ci accompagna per tutto l’arco della nostra esistenza. Gli studiosi hanno riconosciuto tre principali fasi dell’emergere e svilupparsi dell’espressività emotiva: o La prima fase è caratterizzata da risposte, di tipo riflesso, presenti fin dalla nascita e fondamentali per la sopravvivenza del neonato, regolate da processi biologici. Queste risposte includono la reazione a stimoli e sollecitazioni. Il bambino si esprime attraverso il sorriso, lo sconforto, il pianto ed espressioni facciali di disgusto e allerta. o La seconda fase si colloca intorno ai due mesi e si protrae per tutto il primo anno di vita del bambino. In questo periodo compaiono comportamenti che, gradualmente, diventano sempre più intenzionali e funzionali allo sviluppo psicologico. Il bambino è in grado di esprimersi attraverso il volto, i gesti e i vocalizzi, riconoscendo le manifestazioni espressive altrui. È in questo periodo che emergono le emozioni di gioia, tristezza, rabbia e collera. Fra i cinque e i nove mesi compaiono le espressioni della paura e della circospezione. o La terza fase si colloca a partire da secondo anno di vita fino a circa tre anni. In questo periodo, compaiono le espressioni delle cosiddette sociali, come la vergogna, la colpa, l’imbarazzo, ecc. Queste condotte emotive vengono
Estratto dalla tesi: POSSO AVERE PAURA. Percorso didattico nella scuola dell'infanzia