Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Città e genere: un'analisi dell'Urbanistica moderna per ripensare le politiche urbane con una prospettiva di genere

Laurea liv.I

Facoltà: Pianificazione del Territorio

Autore: Dalia Bertila Mercado Tanchiva Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 171 click dal 21/03/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Dalia Bertila Mercado Tanchiva

Mostra/Nascondi contenuto.
3 “..then the question of what kind of city we want cannot be divorced from the question of what kind of people we want to be, what kinds of social relations we seek, what relations to nature we cherish, what style of daily life we desire, what kinds of technologies we deem appropriate, what aesthetic values we hold. (...)The freedom to make and remake ourselves and our cities is, I want to argue, one of the most precious yet most neglected of our human rights. Harvey, D. (2008) 4 Benevolo L. (1991), pp 7. 5 Nel 1997, il Consiglio economico e sociale delle Nazioni ha definito il concetto di gender mainstreaming come “il processo attraverso cui sono valutate tutte le implicazioni per le donne e per gli uomini di ogni azione progettata, in tutti i campi e a tutti i livelli, compresa l’attività legi- slativa, politica e di programmazione. Si tratta di una strategia volta a rendere le preoccupazioni e le esperienze sia delle donne sia degli uomini una dimensione integrale della progettazione, dell’attuazione, del monitoraggio e della valutazione delle politiche e dei programmi in tutte le sfere della politica, dell’economia e del sociale, cosicché donne e uomini ne possano trarre gli stessi vantaggi e non si perpetui la disuguaglianza. L’obiettivo è il raggiungimento della parità di genere” (ECOSOC, Agreed conclusions 1997/2, UN doc. A/52/3, Capitolo IV, par. 4). INTRODUZIONE Abitare significa un’infinità di attività minute che vanno oltre il lavoro, la casa, l’università, i servizi pubblici, la rete di trasporto, le attività di svago, cultura e divertimento. Abitare, come dice David Harvey, significa poter co- struire e svolgere ogni sfera della vita � e questo significa avere l’opportunità e le condizioni per farlo. L’urbanistica è una delle discipline che dovrebbe infatti preoccuparsi dell’or- ganizzazione e gestione del territorio in modo che le persone possano acce- dere alle risorse e i servizi che la città gli offre in condizioni di uguaglianza di opportunità e accessibilità -non solo fisica- per tutte e tutti. Oltre a cercare di raggiungere efficienza ed efficacia dei classici strumenti -progetti, programmi e piani-, gli urbanisti per poter svolgere il loro compito, oltre ad affidarsi alle fonti tradizionali di informazione sul territorio, come quelle statistiche e accademiche, dovrebbero fare, a quanto pare, il difficile esercizio di guardarsi attorno, scendere nelle strade, e capire cosa sta succe- dendo veramente nella città, per poter finalmente uscire dal ritardo con cui attende ai problemi della città 4 . Perché una prospettiva di genere per ripensare la pianificazione? Mettere al centro della pianificazione la vita e i bisogni differenti delle perso- ne e ripensare una città che tenga conto della complessità e la diversità della vita quotidiana è una delle chiavi di volta dell’urbanistica con una prospetti- va di genere 5 , il che non significa disegnare una città per le donne o solo per 14
Estratto dalla tesi: Città e genere: un'analisi dell'Urbanistica moderna per ripensare le politiche urbane con una prospettiva di genere