Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La governance delle società a controllo pubblico

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Federico Goya Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 105 click dal 05/04/2018.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Federico Goya

Mostra/Nascondi contenuto.
16 P iù c ompl e sso è a c c e r tar e l’ulte rior e re quisi t o de ll a p rof e ssi ona li tà ne ll ’impre sa pubbli c a , int e nde ndo l’e s e rc iz io non oc c a sionale di un’a tt ivi tà produttiva atto a provare che sia la professione abituale del soggetto economico. Ad onor del vero, per una parte della dottrina contemporanea, tale requisito non sarebbe sempre necessario quando l’a tt ivi tà di im pr e sa è svol t a dai pubblici poteri. In via puramente generale, nel caso di attività imprenditoriali esercitate da pubblici poteri, si può sostenere che si ha tale re quisi to solo se l’e nt e p ubbli c o presenta fr a le s ue fina li tà e spre sse l’e s e rc iz io di tale attività 15 . Il codice civile ammette inoltre l’e se rc iz io de ll ’a tt ivi tà di im pr e sa di e nti pubblici che non rivestono la qualità di imprenditore, come lo Stato, gli enti territoriali e d o g ni altro e nte c h e no n fa d e ll ’a tt ivi tà di im pr e sa una qu a li tà c osidd e tt a pr incipa le de l suo operato: per questi soggetti il requisito della professionalità 16 non sarebbe necessario. Tutt’a lt ro discor so v a le pe r e nti pubbli c i c he ha n no “ per oggetto esclusivo o principale una attività commerciale ” , c ome ripor tato da ll ’ a rt. 2201 c .c ., ossi a g li e nti pubbli c i economici, ai quali dovrà essere riconosciuta tale requisito. L ’ultim a pr e ro g a ti va da menzionare attiene all'attività economica, nel rispetto del “ metodo de ll ’e c onomi a ” pe r c ui le for me g iuridi c he de vono c or risponde re a ll a sost a nz a economica dei fenomeni regolati dal diritto 17 , in maniera tale da non considerare im pr e ndit or e a nc h e que ll ’e nte pubblico c h e e ro ga se rviz i o beni g ra tui tame nte. L ’ a tt ivi tà de l se tt or e pu bbli c o, in que sto c a so, de ve a v e re quindi na tur a e c onomi c a , imprescindibilmente dal computo dei costi incontrati e in maniera tale i suddetti siano 15 Ibidem. 16 V. PEDACI, Brevi note su alcune posizioni giurisprudenziali sul requisito della competenza tecnica dei componenti delle commissioni giudicatrici di appalto pubblico, in Nuova rassegna di legislazione, dottrina e giurisprudenza, 2009, fasc. 1, pp. 40-42. 17 F. SANTORO PASSARELLI, L’i mp r esa n el s is tema d el d ir itto civile , in Riv. dir. Civ., I, 1942, p. 377.
Estratto dalla tesi: La governance delle società a controllo pubblico