Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La lotta contro l'evasione e l'elusione fiscale internazionale tramite i FATCA

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Giada Borzi Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 105 click dal 10/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giada Borzi

Mostra/Nascondi contenuto.
17 d’imposta. L’art. 53 della Costituzione riporta al primo comma che “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva”, dove “in ragione della loro capacità contributiva” si intende in virtù della loro ricchezza posseduta. Nel caso dell’evasione, il contribuente pur avendo posto in essere fatti considerati dal legislatore espressivi di capacita contributiva, si sottrae all’adempimento dell’obbligazione tributaria da essi derivanti, rappresentando, al Fisco, una situazione difforme da quella reale, e a lui più favorevole. Il contribuente, quindi, realizza il presupposto di imposta, si sottrae alle conseguenza fiscali che ne derivano, non adempie a obblighi o a obbligazioni già sorti, occulta la ricchezza prodotta o ne riduce artificiosamente l’entità, spesso utilizzando documentazione materialmente e/o ideologicamente falsi. Essendo l’evasione provocata dal volontario inadempimento ad una pretesa tributaria già sorta sulla base di una specifica disposizione di legge, il soggetto passivo diviene autore di un illecito amministrativo o penale. 11 L’elusione invece è realizzata attraverso strumenti leciti, con comportamenti che evitano il verificarsi dei presupposti impositivi o che pongono in essere presupposti meno onerosi o, comunque, più vantaggiosi. L’elusione può essere definita come un comportamento diretto al perseguimento di un vantaggio fiscale, non esplicitamente vietato dalla legge, ma incompatibile con la ratio delle norme tributarie. Il contribuente, approfittando dell’ordinamento, aggira la norma ponendo in essere uno o più negozi civilisticamente validi ed efficaci; non in funzione di ciò per cui tali atti sono preposti ma in funzione dell’ottenimento di un risultato che non costituisca presupposto d’imposta. 12 Con l’art. 1 del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 128, pubblicato in Gazzetta ufficiale n. 190 del 18 agosto 2015, si da attuazione alla “Disciplina dell’abuso del diritto ed elusione fiscale” contenuta nell’art.5 della Legge delega n. 23/2014, 11 KRUSE H. W., Il risparmio d’imposta, l’elusione fiscale e l’evasione, in Trattato di diritto tributario di Amatucci A., III parte, 1994. 12 MANZONI I. – VANZ G., Il diritto tributario, Torino 2007, pag. 429 definisce l’elusione fiscale come una via di mezzo tra lecito ed illecito, come di una quasi evasione.
Estratto dalla tesi: La lotta contro l'evasione e l'elusione fiscale internazionale tramite i FATCA