Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La preparazione fisico atletica nel motocross

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Niccolò Bonechi Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 143 click dal 19/04/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Niccolò Bonechi

Mostra/Nascondi contenuto.
Niccolò Bonechi 19 Per l’intensità si intende la modalità con cui si sposta il carico, cioè la sua velocità di spostamento. Se, ad esempio 1900 Watt è la potenza massima, il 90% è 1710 (6 ripetizioni). Partendo sempre da questa potenza, per lavorare sulla resistenza alla forza veloce, l’intensità è dell’80% (1520 Watt) e si eseguono tante ripetizioni fin quando si rientra in questo limite. Se si lavora sulla resistenza muscolare, l’intensità sarà del 70% (1330 Watt). Ovviamente, per la rilevazione di questi dati, occorre utilizzare appositi apparecchi. Utilizzando il lancio dorsale della palla medica, se l’atleta ha un massimale di 15 metri, per la forza esplosiva si deve fare ripetizioni sui 14 metri. Se si abbassa l’intensità, si va sulla resistenza alla forza veloce, e se la si decrementa ancora, sulla resistenza muscolare. Importante: anche per la forza massima si deve valutare l’intensità. (1) 2.4 Modello di Prestazione nel Motocross il motocross è uno sport che richiede numerose capacità motorie da parte dell’atleta. Per prima cosa, per quanto riguarda le capacità senso-percettive, che controllano l’analisi delle informazioni provenienti sia dall’esterno, sia dall’interno del nostro corpo (come fusi neuromuscolari o apparati tendinei del Golgi), devono essere ben sviluppate nel pilota di motocross, poiché durante una competizione o anche un semplice allenamento, la quantità di informazioni che riceve è molto varia (dalla velocità con cui sta eseguendo una curva, allo stress fisico a cui è sottoposto il corpo quando affronta delle buche, o un salto) e deve riuscire ad elaborarle il più in fretta che può, in modo tale da programmare la risposta motoria più redditizia ed economica (per quanto riguarda le energie spese) possibile.
Estratto dalla tesi: La preparazione fisico atletica nel motocross