Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La spada magica

Laurea liv.I

Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale

Autore: Angelo Percoco Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 30 click dal 07/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Angelo Percoco

Mostra/Nascondi contenuto.
20 Ibid 21 Paolo Galloni, Il sacro artefice: mitologie degli artigiani medievali , cit. p. 176. 22 M. Delcourt, Hephaistos, ou la légende du magicien , Les Belle Lettres, Paris, 1982, p. 158. 23 Franco Cardini, Alle radici della cavalleria medievale , cit. p. 63. E dipo e d E fe sto c ondividono la me de sima gra ve disfunz ione fisic a e la re pe ntina disc e sa ne gli infe ri, “ Z oppo è E dipo […] E dipo l’indovino, c he ha le ga mi c on divinità sotte rra ne e , l’e roe c tonio a ssoc ia to a divinità infe rna li c ome le E rinni” 20 , “ E fe sto sc a glia to giù da l c ie lo da Z e us finisc e in fondo a l ma re , dove orma i me noma to a i pie di – pe r nove a nni a ppre nde l’a rte ma gic a e me ta llurgic a ” , o a nc ora […] Odino la c ui iniz ia z ione , dura ta nove giorni, c ompre nde la pe rdita di un oc c hio” 21 . Il fa bbro, me noma to fisic a me nte , è rinc hiuso in un isola spe rduta e c ostre tto a fa bbric a re pe r il sovra no ogni sorta di ogge tto. Il fa bbro me dita la ve nde tta c he non ta rde rà a d a rriva re ; da pprima uc c ide i due figli ma sc hi de l re , re c a tisi c la nde stina me nte pre sso l’isola dove e ra te nuto prigionie ro, e viole nta la figlia dopo a ve rle fa tto be re de lla birra . T rionfa nte pe r a ve r porta to a te rmine il suo dia bolic o pia no c rimina le , fugge da ll’isola gra z ie a d un a bito a la to c he lui ste sso a ve va proge tta to; la similitudine c on un a ltro pe rsona ggio de lla mitologia gre c a è e vide nte , “ que sta a z ione ric orda da vic ino que lla di De da lo, il qua le è spe sso me sso in re la z ione dire tta c on E fe sto de l qua le ra ppre se nta una sorta di doppio uma no – si dire bbe c he l’uno sia il pa ra digma de ll’a ltro: se E fe sto fa bbric a uomini a nima ti, De da lo fa pa rla re le sta tue ” 22 Il re si dispe ra ne l mome nto in c ui a ppre nde la notiz ia de lla morte de i suoi due figli ma sc hi, e il luogo dove gia c c iono se polte le loro ossa da lla voc e ste ssa di V ǫ lundr. A que l punto e gli fugge via la sc ia ndo il sovra no imme rso ne lla più c upa dispe ra z ione e triste z z a . Il c a nto si c onc lude c on le la me nta z ioni de lla figlia de l re pe r e sse re sta ta a bba ndona ta da l suo c a rne fic e , e c on l’a ma ra c onfe ssione de lla figlia a suo pa dre . In una suc c e ssiva c omposiz ione inse rita ne lla sa ga di ra c c onti in prosa norve ge se de l XIII se c ., la Þiðre kssa ga , l’ide a liz z a z ione de l prota gonista c orrisponde già a lla gra nde e pope a de l roma nz o c a va lle re sc o; “ L a Thidhre k ssaga , il c ui prota gonista è T e odoric o, è un prodotto in ve rità a ssa i ta rdo, ma tura to a lla c orte di Ha a kon IV di Norve gia e influe nz a to da lla sua volontà di tra pia nta rvi gli ide a li c orte si” 23 . 12
Estratto dalla tesi: La spada magica