Skip to content

Occupanti tedeschi, fascisti repubblicani e movimento partigiano: una mediazione cattolica a Biella. Il caso di radio Baita

Estratto della Tesi di Rolando Magliola

Mostra/Nascondi contenuto.
17 avevano ricevuto diplomi di benemerenza dalle associazioni operaie (ad esempio, don Antonio Bozzalla, parroco di Riabella, e don Giovanni Battista Stupenengo, vicario di Campiglia); il senso religioso degli operai nel 1880 si manifestava nell’attaccamento alle antiche forme religiose e in un ancor vivo senso di appartenenza alla Chiesa 53 . Le società di mutuo soccorso e le feste operaie furono tuttavia guardate con sospetto dai giornali cattolici come Biella Cattolica. Durante l’episcopato di mons. Losana (1834-1873) lo scontro tra clero e mondo operaio si accese a proposito della questione delle bandiere delle società operaie: l’Autorità Ecclesiastica proibì che le bandiere entrassero in chiesa senza aver prima ricevuto la benedizione, suscitando l’ira delle società che avevano origini non confessionali 54 . Il divieto (revocato poi da mons. Losana ma ripristinato dal vescovo Leto) determinò nei parroci dei comuni biellesi atteggiamenti differenti: ci fu chi, come don Giacomo Debernardi, rettore del Collegio e dell’Ospedale di San Giovanni di Andorno, si mostrò conciliante (e fu criticato da Biella Cattolica per le sue aperture) e chi, come il vicario di Graglia, don Giovanni Battista Rivetti, e il parroco di Miagliano, don Pietro Zanello, rimase su posizioni intransigenti (ricevendo il plauso del giornale diocesano) 55 . Nel 1895 si tenne a Mosso un congresso sulla questione delle bandiere organizzato dalla Società Tessitori di Crocemosso, allo scopo di individuare i provvedimenti utili a far cessare il divieto: da parte della Chiesa fu però vivo il sospetto che il congresso fosse un’occasione per alimentare l’anticlericalismo e Biella Cattolica espresse la sua opinione in merito alla questione scrivendo : […] per le cose di chiesa tutti si credono in diritto e in grado di dottorar a lor posta […] Eh, buoni operai, fate il vostro mestiere e non impancatevi a sputar sentenze là dove siete incompetenti […] Se avete delle ragioni fatele sentire: se no, state queti almeno. In chiesa e per le cose di chiesa non comandate voi 56 . Le posizioni del giornale cattolico riflettevano il disinteresse di gran parte del clero verso i problemi e le richieste del mondo operaio e l’attenzione rivolta in prevalenza alla pratica religiosa: Biella Cattolica dava infatti al problema del rapporto tra operai e padroni una lettura esclusivamente morale e religiosa 57 . La pubblicazione dell’enciclica papale “Rerum Novarum” (fatta pervenire ufficialmente ai parroci biellesi dal vescovo Cumino solo otto mesi dopo la sua promulgazione) avvenne senza l’aggiunta di commenti e riferimenti 58 . 53 Ivi, pp. 227-232 54 Ivi, pp. 238-239 55 Ivi, pp. 241-246 56 “Biella Cattolica”, 13 marzo 1895, riportato in A. S. Bessone, Uomini, tempi e ambienti operai, cit., pag. 248 57 Ivi, pag. 254 58 Ivi, pag. 256
Estratto dalla tesi: Occupanti tedeschi, fascisti repubblicani e movimento partigiano: una mediazione cattolica a Biella. Il caso di radio Baita

Estratto dalla tesi:

Occupanti tedeschi, fascisti repubblicani e movimento partigiano: una mediazione cattolica a Biella. Il caso di radio Baita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rolando Magliola
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Gianni Perona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

collaborazionismo
radio baita
villa schneider
rolando magliola
don vernetti
franco boggio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi