Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'influenza del diritto dell'Unione Europea nel diritto del lavoro

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Brunella Vivone Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 74 click dal 15/06/2018.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Brunella Vivone

Mostra/Nascondi contenuto.
23 Affermare che nelle Costituzioni democratiche contemporanee il riconoscimento dei diritti fondamentali dell'uomo diviene il fondamento primo e nello stesso tempo il fine ultimo della vita politicamente organizzata, significa evidenziare un dato di assoluta novità: quello del primato della persona umana sullo Stato. La pace è a sua volta il presupposto necessario per il riconoscimento e l'effettiva protezione dei diritti dell'uomo nei singoli Stati e nel corollario internazionale. Nello stesso tempo il processo di democratizzazione del sistema internazionale non può proseguire senza una progressivo accrescimento dell'identificazione e della protezione dei diritti dell'uomo al di sopra dei singoli Stati nazionali 25 . I diritti fondamentali in quel determinato periodo storico si pongono come elementi essenziali, forze motrici del sistema costituzionale. Riferendosi alle esperienze Costituzionali contemporanee, si può cogliere la mancanza di un unico modello condiviso in materia di qualificazione e protezione dei diritti fondamentali, diversificate secondo variegate soluzioni, alla qualificazione giuridica. Solo l'Italia e la Spagna, seguite dalla Francia hanno registrato un'evoluzione del diritto positivo nonché della giurisprudenza e della dottrina nel senso del riconoscimento dei diritti sociali come diritti fondamentali, inalienabili e imprescrittibili, sia pure nel quadro di una loro affermazione graduale nonché rispettosa della discrezionalità del legislatore. In Francia l'idea dei diritti dell'uomo ebbe un richiamo irresistibile, infatti nella nuova Costituzione del 1946 venne incorporata la Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino del 1789, oltre che i principi fondamentali riconosciuti dalle leggi della Repubblica, ed una serie di principi politici, sociali ed economici di vitale importanza nella nostra epoca quali: la parità tra uomo e donna in ogni ambito, al diritto al lavoro, all'assistenza sanitaria e all'istruzione. Ha esteso il controllo degli atti amministrativi tramite il Conseil d'Etat, creando il Conseil Constitutionnel per il controllo preventivo sui progetti di legge. Nel Regno Unito i diritti dell'uomo si sono sviluppati in maniera significativa sotto l'influenza del movimento internazionale dei diritti umani aumentando le prese di posizione in favore dell'adozione di una carta dei diritti. Non ha istituito organi a cui ha affidato il compito di controllare se l'attività del parlamento tuteli nel concreto i diritti dell'uomo però, l'adesione alla Convenzione Europea dei 25 Bobbio N., L'età dei diritti, Einaudi Edizioni, Torino, 2014, Introduzione.
Estratto dalla tesi: L'influenza del diritto dell'Unione Europea nel diritto del lavoro