Skip to content

Dalla Produzione di Massa alla Produzione Flessibile

Estratto della Tesi di Lorenzo Guiso

Mostra/Nascondi contenuto.
In quasi tutti i casi però è necessario assicurarsi contro il decadere della qualità, prima di tentare di aumentare la quantità .”; inoltre, secondo Taylor, la maggioranza degli 6 uomini hanno una “istintiva e congenita tendenza a prendersela comoda ” e questa 7 tendenza si traduce spesso in un rallentamento della produzione: a lungo andare, infatti, si constatò che i lavoratori non poterono sostenere picchi massimi di performance, continuamente e costantemente, tutto il giorno, infatti si usò un margine di errore, corrispondente a un terzo, per avere livelli più realistici. Questo è stato un colpo alla 8 credibilità che il metodo Taylorista fosse basato sul metodo scientifico. Per massimizzare l'efficienza, una moderna direzione d’impresa deve assumere su di sé gran parte dei compiti che fino ad allora venivano lasciati liberamente agli operai, i quali, secondo Taylor, dovrebbero soltanto lavorare in funzione del raggiungimento dell’obbiettivo stabilito dalla direzione, il così detto “task”. In questo modello organizzativo denominato “Task Management” la direzione si occuperà, quindi, di definire un “Task” che gli operai dovranno svolgere quotidianamente senza apportarvi cambiamenti né in termini di diminuzione né in termini di aumento. Taylor sostiene che “dopo che un lavoratore per due o tre volte ha visto il suo compenso per unità di prodotto diminuito quando egli ha lavorato più intensamente ed ha migliorato il rendimento, è evidente che egli perda di vista in modo completo l’interesse dell’imprenditore e si lasci penetrare dalla cupa decisione di non andare incontro ad ulteriori abbassamenti di tariffa se può evitarli facendo finta di lavorare ”; una 9 soluzione a ciò era il cottimo differenziale, ovvero, un sistema basato su compensi e penalizzazioni “a gradini”, legati al raggiungimento, o meno, dei “task”. Il cottimo differenziale avrebbe permesso ai migliori, da Taylor definiti “gli uomini di prim’ordine”, di migliorare i loro guadagni; ma, avrebbe portato all'espulsione di coloro che non sottostavano a tale sistema. In sostanza: chi esegue per intero la produzione decisa dalla direzione e prefissata nel task, secondo i metodi previsti, percepirà una paga più alta che va considerata come un premio di rendimento; invece nella eventualità di mancato raggiungimento del “task”, vi sarà un restringimento salariale. Si riscontrò, però, che il miglioramento economico non fu proporzionale all'aumento di produttività; infatti Taylor afferma che è anche per il bene dei lavoratori che non vengano pagati né troppo, né troppo poco, dato che se i salari sono troppo alti, “[…]molti lavorano irregolarmente e tendono a diventare più o meno fiacchi, irrequieti e dissipatori…”, quindi arriva alla conclusione che: “Nell’accingersi ad introdurre mutamenti, è della massima importanza che gli sforzi della direzione siano concentrati su di un singolo individuo; nessun ulteriore tentativo deve essere compiuto finché non si sia arrivati ad un successo completo con quel soggetto. ”. 10 Il cottimo differenziale fu uno strumento che, per l’appunto, difficilmente fu introdotto nelle fabbriche “taylorizzate”; in primis perché non appena si tentava di applicarlo su larga scala, iniziavano gli scioperi ed i sabotaggi da parte dei lavoratori e poi proprio Riccardo Giorgio Zuffo, Revisiting Taylor. L'Organizzazione Scientifica del Lavoro: il libro che ha sconvolto un secolo, 6 Franco Angeli, 2013 - pag.161 Frederick Taylor, L’Organizzazione Scientifica Del Lavoro, Milano, Etas Kompass, 1967 - pag.18 7 Ricky W. Griffin, Frederick Taylor, Early Century Management Consultant, in Wall Street Journal Bookshelf, 3 Giugno 8 1997 - pag. A17 Giuseppe Bonazzi, Storia del pensiero organizzativo, Franco Angeli, 2008 - pag. 39 9 Frederick Taylor, L’Organizzazione Scientifica Del Lavoro, Milano, Etas Kompass, 1967 - pag. 132 10 7
Estratto dalla tesi: Dalla Produzione di Massa alla Produzione Flessibile

Estratto dalla tesi:

Dalla Produzione di Massa alla Produzione Flessibile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Guiso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Cecilia  Ferrai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

just in time
lean production
toyotismo
ford
taylor
taylorismo
produzione di massa
catena di montaggio
produzione flessibile
model t

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi