Skip to content

Analisi multigenerazionale degli effetti di composti perfluorurati (PFAS) su Chironomus riparius (insetti, ditteri): parametri di variabilità genetica e di life-history

Estratto della Tesi di Alessio Fumagalli

Estratto dalla tesi: Analisi multigenerazionale degli effetti di composti perfluorurati (PFAS) su Chironomus riparius (insetti, ditteri): parametri di variabilità genetica e di life-history
7 
 
Nel campo dell’ecotossicologia la possibilità di individuare effetti di natura subletale risulta di 
notevole importanza per valutare le conseguenze a lungo termine della contaminazione sulla 
sopravvivenza della popolazione (Coutellec e Barata 2011). A tal fine, i test basati sulle variazioni 
delle proprietà genetiche, invece che di espressione genica, rispondono all’esigenza di evidenziare 
gli effetti permanenti sulla variabilità genetica ed, in ultima istanza, sul potenziale evolutivo di una 
popolazione. 
Questo tipo di approccio evolutivo sui test tossicologici ha subito diverse critiche. Prima tra tutte, 
l’esposizione della popolazione in studio in condizioni di laboratorio allontana ancora dal realismo 
ecologico. In particolare, si impone il compimento del ciclo vitale in condizioni standard, in 
isolamento riproduttivo, eliminando così i vantaggi legati alle migrazioni di popolazioni non 
esposte, come invece accade in natura. L’isolamento può anche provocare la riduzione della 
variabilità genetica a causa di fenomeni di drift genico o inbreeding (Coutellec e Barata 2011). Va 
considerato che le popolazioni maggiormente sensibili alle perturbazioni ambientali sono 
notoriamente quelle piccole ed isolate, per le quali quindi le condizioni imposte nei test 
multigenerazionali sono particolarmente valide. Tuttavia, per limitare al minimo i possibili errori di 
interpretazione dei dati, si cerca di avere popolazioni di partenza con un’ampia variabilità genetica.  
 
 
1.3 COMPOSTI PERFLUORURATI (PFAS) 
I composti alchilici perfluorurati (PFAS) sono composti organici costituiti da una catena alchilica 
idrofobica lineare o ramificata, di differente lunghezza (in genere da C4 a C16), completamente o 
parzialmente fluorurata, e un gruppo idrofilico (Valsecchi e Polesello 2008). 
Le particolari proprietà chimico-fisiche di queste molecole derivano dalla presenza di numerosi 
legami carbonio-fluoro. I perfluorurati sono assai stabili e chimicamente inerti. Presentano un basso 
punto di ebollizione e una debole tensione superficiale, e sono molto resistenti alle principali fonti 
di degradazione: dal calore all’idrolisi, dalla fotolisi alla degradazione microbica (Minoia et al. 
2008). 
Queste caratteristiche hanno fatto sì che i composti perfluorurati venissero ampiamente utilizzati già 
a partire dagli anni cinquanta come emulsionanti, tensioattivi, prodotti per la pulizia di tappeti, 
tappezzerie, pelli e tessuti. Hanno trovato impiego anche nella produzione di rivestimenti protettivi 
ed idrorepellenti, nei fitofarmaci e nella produzione di vernici e adesivi, prodotti per stampanti, 
pellicole fotografiche, strumenti di microelettronica, shampoo, dentifrici e schiume antincendio. Si 
ritrovano anche negli imballaggi alimentari, come quelli dei fast food, e nei cartoni del cibo

Informazioni tesi

  Autore: Alessio Fumagalli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Laurea Magistrale in Biologia
  Relatore: Paolo Galli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pfas
ecotoxicology
statistical inference
evolutionary toxicology
chironomus riparius
population genetics
pops

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi