Skip to content

La ''Gazzetta piemontese'' (1797-1798)

Estratto della Tesi di Massimo Iberti

Estratto dalla tesi: La ''Gazzetta piemontese'' (1797-1798)
22 
temporaneamente. Ciò valeva ancora di più per la “Gazzetta 
piemontese”, vista l’esiguità del numero dei lettori, ipotizzabile
10
 sia 
per l’alto tasso di analfabetismo
11
 sia per le caratteristiche delle 
notizie, destinate ad un pubblico specialistico. Inoltre, in quegli anni 
di gravi difficoltà economiche per il Piemonte, provato da un lungo 
periodo di guerra, il vertiginoso aumento del costo della vita, 
provocato dalla politica monetaria del governo regio
12
, rendeva 
oneroso l’acquisto di un periodico ai prezzi indicati sopra. Le 6 lire 
per l’abbonamento e i 5 soldi per la copia singola erano somme 
                                                        
10
   Nulla si sa dell’entità della tiratura e delle sue eventuali oscillazioni.    
 
11
   Sull’alfabetismo in Torino e provincia nel Settecento cfr. M.R. DUGLIO, Alfabetismo e società 
a Torino nel secolo XVIII, in Demografia storica, a cura di E. Sori, Bologna, Il Mulino,1975, pp. 
107-128, in cui l’autore segnala la presenza in Torino nel 1790 del 17% di analfabeti tra gli sposi 
maschi e del 37% tra le spose, mentre in provincia l’analfabetismo dello sposo è del 35%, quello 
della sposa del 70%; tra le categorie socio-professionali, nel 1790 il 15% dei commercianti maschi  
ed il 72% degli artigiani maschi non sono in grado di scrivere il proprio nome. E’ bene evidenziare 
che la ricerca di Duglio non tiene conto delle categorie più povere e generalmente illetterate. Cfr. 
anche M. ROGGERO, Insegnar lettere. Ricerche di storia dell’istruzione in età moderna, 
Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1992, pp. 137-161, in cui l’autrice analizza i problemi 
dell’alfabetizzazione in Piemonte a fine secolo, evidenziando la caratteristica retorico-umanistica 
dell’istruzione primaria, basata essenzialmente sull’apprendimento del latino e funzionale ad una 
cerchia ristretta di persone abbienti, che miravano ad assicurare ai propri figli l'accesso agli studi 
superiori. Inoltre, in assenza di sedi istituzionali, la scuola di base era quasi sempre nelle mani del 
clero, il quale si serviva dell’insegnamento del latino per addestrare i giovani chierici alle funzioni 
liturgiche e per reclutare nuove leve di seminaristi. Per questi motivi l’apprendimento dell’italiano 
non era ritenuto fondamentale. Ciò contribuisce a spiegare la scarsa alfabetizzazione nel Piemonte 
d’Ancien Régime.   
 
12
  Cfr. “G.P.”, n.41, 11 ottobre 1797, Torino s.d., in cui era inserito l’editto regio del 6 ottobre 
1797 che imponeva nuove tasse, sospendeva il corso dei biglietti di credito superiori a 50 lire e 
riduceva il valore nominale della moneta progressivamente fino all’agosto del 1798. Ne conseguì 
un immediato aumento dei prezzi di vari generi, in quanto i venditori valutarono la moneta al 
valore dell’agosto 1798. Tale editto fu uno degli ultimi provvedimenti attuati dal governo nel 
1797, per far fronte all’eccessiva massa di biglietti di credito in circolazione ed all’aumento senza 
precedenti della quantità di moneta eroso-mista. I risultati furono disastrosi. Come ha bene 
evidenziato M. GOSSO, Le linee della politica finanziaria piemontese alla fine del XVIII secolo, 
in “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, LXXXI, 1973, pp. 665-673, gli editti regi, lungi dal 
sanare il bilancio statale, provocarono effetti nefasti all’economia: l’aumento dei prezzi divenne 
inarrestabile ed il commercio subì la paralisi. Sulle responsabilità della politica finanziaria di 
guerra del governo sardo nell’alterazione delle condizioni economiche del paese, cfr. L.

Estratto dalla tesi:

La ''Gazzetta piemontese'' (1797-1798)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Iberti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Luciano Guerci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 235

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

settecento
torino
storia moderna
xviii secolo
giornale
1797
settimanale
periodico
gazzetta piemontese
bollettino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi