Skip to content

Le Sfide Sociali nel Processo di Internazionalizzazione

Estratto della Tesi di Baldo Galfano

Estratto dalla tesi: Le Sfide Sociali nel Processo di Internazionalizzazione
12 
 
 
investimenti in un istruzione ispirata alla meritocrazia che i paesi in via di svilluppo 
hanno realizzato negli scorsi decenni. Emblematico è il caso indiano i cui apprezzati 
neolaureati una volta terminati gli studi si trovavano nelle condizioni di non poter 
sfruttare le loro competenze al servizio del loro paese, cosi che dal 1953 oltre 25.000 
laureati si sono trasferiti in USA. In questo modo trovano lavoro lontano da casa per i 
grandi gruppi produttivi occidentali. Scoppiata la bolla vennero licenziati e costretti a 
rimpatriare, avevano tuttavia già acquisito la fiducia delle imprese occidentali che in 
difficoltà affidarono loro in outsourcing attività che in questo modo venivano svolte, a 
differenza del passato, direttamente in terra indiana favorendone la crescita.                        
Altro rilevante metodo di collaborazione sul palcoscenico intenzionale è quello 
dell’offshoring. A differenza dell’outsourcing non si tratta far eseguire talune specifiche 
attività altrove reintegrandole una volta compiute. Si tratta invece di delocalizzare i 
propri centri produttivi verso zone in cui sia possibile, ad esempio, godere di vantaggi 
fiscali o del minor costo della manodopera globalizzando la propria filiera produttiva. 
Non si tratta tuttavia semplicemente di ridurre i costi produttivi bensì di reinventare la 
catena di creazione del valore. I mercati emergenti costituiscono un’opportunità per la 
possibilità che garantiscono di godere di manodopera a basso costo ma anche un 
mercato a cui poter vendere i propri prodotti. Bisogna scomporre la propria attività e 
capire cosa delocalizzare, cosa comprare e cosa vendere dai e nei mercati esteri più 
attraenti. D’altro canto i paesi emergenti tra qualche anno saranno emersi e quel punto 
non offriranno più manodopera sottocosto. Ne deriva che qualità, innovazione e 
creatività rimangono comunque le leve del successo per qualunque impresa. Come lo 
stesso Friedman T.L. (2006) rileva uno studio condotto dalla Morgan Stanley dimostra 
come le importazioni dalla Cina hanno consentito, a partire dalla seconda metà degli 
anni novanta, un risparmio di 600 miliardi di dollari ai consumatori americani, 
consentendo altresì alla Federal Reserve il mantenimento dei tassi di interesse a livelli 
contenuti fornendo cosi capitali per il mercato immobiliare e le innovazioni. Ma i 
vantaggi dei “colonizzatori” si riflettono anche sui lavoratori. Questi vengono spesso 
considerati coloro che pagano gli effetti della delocalizzazione per effetto della perdita 
del posto di lavoro. In realtà la pratica dell’offshoring non è esclusivamente diretta a 
ridurre i costi ma anche ad abbattere le barriere commerciali e a mettere salde radici in 
mercati estremamente promettenti, come quello cinese e indiano, dando cosi slancio alle 
esportazioni e quindi alla produzione interna.                                                                        
Un’ulteriore elemento di appiattimento fornito da Friedman T.L. (2006) è quello della 
Supply-chaining. Imprese come la Wall-Mart, la più grande impresa di distribuzione al 
mondo, hanno impostato i propri vantaggi competitivi su una filiera estremamente 
efficiente e sempre attenta al cliente. In un mondo piatto l’impresa dovrà essere capace

Estratto dalla tesi:

Le Sfide Sociali nel Processo di Internazionalizzazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Baldo Galfano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Arabella Mocciaro Li Destri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi