Skip to content

Arrigo Cajumi critico ''libertino''

Estratto della Tesi di Azzurra Frattegiani

Estratto dalla tesi: Arrigo Cajumi critico ''libertino''
15 
secolo dei Lumi. A seguito della Querelle des anciens et des modernes, si iniziava a percepire 
la diversità fra le letterature nazionali e sorgeva l’idea di una letteratura universale e, per 
contro, dell’individualità delle sue parti. 
 
         Nella cultura del Settecento si determina, o si chiarisce, la coscienza dei più profondi rapporti fra 
lo sviluppo nazionale e universale in tutta la storia civile. Quanto alla storia letteraria, la tradizione 
aveva allacciato ciascun popolo ad una sola letteratura, che, per ogni tempo, non conosceva altra 
norma, né altro confronto, se non d’un comune ideale di bellezza. La «Querelle des anciens et des 
modernes», staccando da quella tradizione unitaria non più che la semplice legittimità di un’altra 
letteratura, indirizzò la nuova critica verso un concetto dapprima duplice, e poi molteplice della 
letteratura e dell’arte. Ed allora si afferma e s’avvalora, da Voltaire fino ad Herder, l’idea di una 
letteratura mondiale, che ritrae tutta la sua forza dalla visione organica, dal senso storico 
immediato delle singole letterature nazionali
70
. 
 
   Il giudizio critico nasce, insomma, dal pari contributo della contestualizzazione storica e 
dell’analisi psicologica dell’autore e dell’opera, senza un immediato appiglio alle teorie 
estetiche in favore della supremazia del Gusto
71
, sempre sorretto da un’informazione precisa, 
perciò non identificabile con la semplice impressione intuitiva crociana
72
. I maggiori modelli 
critici furono, infatti, per Neri e per Cajumi, De Sanctis e Sainte-Beuve. 
   Alcuni passi desanctisiani citati da Neri potrebbero essere applicati con appropriatezza ai 
suoi stessi procedimenti: «la critica è la coscienza o l’occhio della poesia, la stessa opera 
spontanea del genio riprodotta come opera riflessa dal gusto. Ella non dee dissolvere 
l’universo poetico; dee mostrarmi la stessa unità divenuta ragione, coscienza di se stessa»
73
; e 
ancora, relativamente alla critica francese, «il francese non s’indugia sulle teorie; va diritto al 
                                                
70
 Cfr. F. Neri, La tavola dei valori del comparatista, in «Giornale storico della letteratura italiana», a. CIX, 
1937, pp. 275-76. 
71
 Cfr. A. Cajumi, La scuola, art. cit., p. 3. 
72
 È anche vero, tuttavia, che l’abitudine di Neri a condensare il giudizio sulle opere analizzate in formule spesso 
visive e allusive lo fa scivolare a volte verso l’«impressionismo simbolista» (cfr. L. Sozzi, Ferdinando Neri, in 
Letteratura, op. cit., pp. 2850-51).  
73
 Cfr. F. Neri, Il De Sanctis e la critica francese, in Id., Saggi, Torino, Bompiani 1964, p. 82.

Estratto dalla tesi:

Arrigo Cajumi critico ''libertino''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Azzurra Frattegiani
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Martino Marazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fascismo
risorgimento
illuminismo
einaudi
benedetto croce
pubblicistica
aforismi
francesistica
arrigo cajumi
sainte-beuve

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi