Skip to content

La Bellezza tra metafisica ed antropologia in Schiller

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Vassallo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Salvatore Tedesco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

«La bellezza salverà il mondo.»
L'idiota, Fëdor Michajlovic Dostoevskij.

Un'affermazione, un enigma, molteplici interpretazioni, infiniti significati.
Ed è proprio questo velum misterioso che avvolge la bellezza, questo concetto tanto nobile, seducente e agognato in quanto meta di riscatto sociale, etico-estetico, che Schiller vuole rimuovere. Con tutta l'accortezza e la delicatezza di cui egli era capace, in veste di artista, filosofo, storico e medico, che facevano di lui un osservatore attento e acuto cui nulla sfuggiva, che voleva andare sempre oltre per arrivare alla cosa stessa, al fine di trovare un porto sicuro, un'ancora esistenziale a cui potersi aggrappare saldamente e totalmente. L'integrità è la bandiera del suo vascello, che non vuole tralasciare nulla e che non abbandonerà mai la sua ricerca del ganzen Mensch, attraverso un percorso sospeso tra una metafisica di stampo platonico a cui non rinuncerà mai, che sarà sempre il suo ponte verso il sogno di un mondo e di un uomo ideali, a tratti irrealizzabili, e una visione antropologica, che rappresenta l'altra faccia della medaglia, il lato "bello" e positivo di una realtà già presente, di un uomo che, nonostante le sue drammatiche scissioni, ha superato se stesso. Tutto in Schiller è tensione degli opposti: il suo vissuto, la sua formazione intellettuale, la sua filosofia. L'obiettivo della sua vita sarà quello di risanare questa tensione, di trovare un'armonia che permetta all'uomo di ritrovarsi e di congiungere tutte le parti apparentemente eteronome che lo compongono. E l'unica soluzione che gli si profila davanti è la dimensione della bellezza. Sembra una soluzione agognata di un romantico, e Schiller lo era. Faceva parte del movimento dello Sturm und Drang, in quanto scrittore, drammaturgo e poeta, di cui faceva parte anche l'amico Goethe, era cultore della figura di William Shakespeare, uno dei suoi scrittori preferiti, di cui citava spesso passi delle opere, e si collocava anche all'interno del movimento della Popularphilosopohieilluministica, che comprendeva quelle singolari figure di medici-filosofi, fra cui Schiller si annoverava. Ma il filo conduttore che teneva insieme la "trama schilleriana" era quello della libertà e la bellezza ne era la manifestazione più tangibile. Ovunque, ci fosse bellezza s'intravedeva la libertà, e l'uomo, per Schiller, doveva essere libero, libero di essere pienamente se stesso, senza subordinarsi a nessuna delle sue componenti.

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Vassallo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Salvatore Tedesco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione. La bellezza salverà il mondo. L’idiota, Fëdor Michajlovic Dostoevskij. Un’affermazione, un enigma, molteplici interpretazioni, infiniti significati. Ed è proprio questo velum misterioso che avvolge la bellezza, questo concetto tanto nobile, seducente e agognato in quanto meta di riscatto sociale, etico-estetico, che Schiller vuole rimuovere. Con tutta l’accortezza e la delicatezza di cui egli era capace, in veste di artista, filosofo, storico e medico, che facevano di lui un osservatore attento e acuto cui nulla sfuggiva, che voleva andare sempre oltre per arrivare alla cosa stessa, al fine di trovare un porto sicuro, un’ancora esistenziale a cui potersi aggrappare saldamente e totalmente. L’integrità è la bandiera del suo vascello, che non vuole tralasciare nulla e che non abbandonerà mai la sua ricerca del ganzen Mensch, attraverso un percorso sospeso tra una metafisica di stampo platonico a cui non rinuncerà mai, che sarà sempre il suo ponte verso il sogno di un mondo e di un uomo ideali, a tratti irrealizzabili, e una visione antropologica, che rappresenta l’altra faccia della medaglia, il lato “bello” e positivo di una realtà già presente, di un uomo che, nonostante le sue drammatiche scissioni, ha superato se stesso. Tutto in Schiller è tensione degli opposti: il suo vissuto, la sua formazione intellettuale, la sua filosofia. L’obiettivo della sua vita sarà quello di risanare questa tensione, di trovare un’armonia che permetta all’uomo di ritrovarsi e di congiungere tutte le parti apparentemente eteronome che lo compongono. E l’unica soluzione che gli si profila davanti è la dimensione della bellezza. Sembra una soluzione agognata di un romantico, e Schiller lo era. Faceva parte del movimento dello Sturm und Drang, in quanto scrittore, drammaturgo e poeta, di cui faceva parte anche l’amico Goethe, era cultore della figura di William Shakespeare, uno dei suoi scrittori preferiti, di cui citava spesso passi delle opere, e si collocava anche all’interno del movimento della Popularphilosopohie illuministica, che comprendeva quelle singolari figure di medici-filosofi, fra cui Schiller si annoverava. Ma il filo conduttore che teneva insieme la “trama schilleriana” era quello della libertà e la bellezza ne era la manifestazione più tangibile. Ovunque, ci fosse bellezza s’intravedeva la libertà, e l’uomo, per Schiller, doveva essere libero, libero di essere pienamente se stesso, senza subordinarsi a nessuna delle sue componenti. Quest’aspirazione era dovuta alla constatazione di un assunto amaro, derivato dall’analisi dell’epoca a lui contemporanea, in cui l’individuo stava vivendo un momento di scissione,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

estetica
libertà
kant
filosofia
sensibilità
bellezza
schiller
categoria
educazione estetica
popularphilosopohie

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi