Skip to content

Lo scetticismo interpretativo

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Zeggio
  Tipo: Laurea vecchio ordinamento (pre riforma del 1999)
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Baldassarre Pastore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

La nozione di interpretazione, al pari della nozione di norma, si configura come centrale nello studio del diritto. Non ci si può, infatti, assolutamente esimere dall’affrontare in via generale, almeno implicitamente, il problema ermeneutico, perché esso è il punto di passaggio obbligato tanto per il teorico quanto per il giurista pratico. Del resto, tutti i giuristi interpretano, moltissime delle loro attività potendo venir qualificate come attività latu sensu “interpretative”. D’altro canto, non c’è tesi di diritto positivo che non venga presentata come una ”interpretazione”, ossia come il risultato o il prodotto di un’attività interpretativa. Attraverso l’interpretazione vengono – secondo le diverse concezioni – accertati o costituiti o in parte accertati e in parte costituiti i precetti che rappresentano l’oggetto della conoscenza giuridica. Non c’è allora da stupirsi se giuristi, filosofi e sociologi del diritto si sono spesso soffermati a riflettere su questo tema, sia elaborando teorie che mirano a descrivere le prassi effettive degli interpreti, sia elaborando dottrine che prescrivono come si debba interpretare.
Il termine “legge”, oltre la norma o regola di condotta, finisce per indicare anche il momento creativo della regola, cioè la fonte della norma e, storicamente, la fonte per antonomasia delle norme o regole di condotta: vale a dire la legge del Parlamento, suprema espressione della sovranità popolare. La legge, intesa nella seconda delle accezioni appena considerate, consta di proposizioni, di uno o più enunciati linguistici eventualmente raggruppati in articoli. Da questi enunciati l’interprete ricava, secondo alcuni, o costruisce, secondo altri, le norme. È dunque attraverso l’interpretazione che si determina il significato del testo e cioè la norma giuridica, ricavata secondo alcuni all’interno del testo (e quindi semplicemente conosciuta dall’interprete) ovvero, secondo altri, costruita dall’interprete stesso.
Le principali teorie dell’interpretazione che si contendono il campo nel pensiero giuridico moderno sono sostanzialmente tre: una teoria cognitiva (o formalistica), una teoria scettica (o realista), ed una teoria mista (o intermedia), che tenta di conciliare le due precedenti.

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Zeggio
  Tipo: Laurea vecchio ordinamento (pre riforma del 1999)
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Baldassarre Pastore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La nozione di interpretazione, al pari della nozione di norma, si configura come centrale nello studio del diritto. Non ci si può, infatti, assolutamente esimere dall’affrontare in via generale, almeno implicitamente, il problema ermeneutico, perché esso è il punto di passaggio obbligato tanto per il teorico quanto per il giurista pratico. Del resto, tutti i giuristi interpretano, moltissime delle loro attività potendo venir qualificate come attività latu sensu “interpretative”. D’altro canto, non c’è tesi di diritto positivo che non venga presentata come una ”interpretazione”, ossia come il risultato o il prodotto di un’attività interpretativa. Attraverso l’interpretazione vengono – secondo le diverse concezioni – accertati o costituiti o in parte accertati e in parte costituiti i precetti che rappresentano l’oggetto della conoscenza giuridica. Non c’è allora da stupirsi se giuristi, filosofi e sociologi del diritto si sono spesso soffermati a riflettere su questo tema, sia elaborando teorie che mirano a descrivere le prassi effettive degli interpreti, sia elaborando dottrine che prescrivono come si debba interpretare. Il termine “legge”, oltre la norma o regola di condotta, finisce per indicare anche il momento creativo della regola, cioè la fonte della norma e, storicamente, la fonte per antonomasia delle norme o regole di condotta: vale a dire la legge del Parlamento, suprema espressione della sovranità popolare. La legge, intesa nella seconda delle accezioni appena considerate, consta di proposizioni, di uno o più enunciati linguistici eventualmente raggruppati in articoli. Da questi enunciati l’interprete ricava, secondo alcuni, o costruisce, secondo altri, le norme. È dunque attraverso l’interpretazione che si determina il significato del testo e cioè la norma giuridica, ricavata secondo alcuni all’interno del testo (e quindi semplicemente conosciuta dall’interprete) ovvero, secondo altri, costruita dall’interprete stesso. Le principali teorie dell’interpretazione che si contendono il campo nel pensiero giuridico moderno sono sostanzialmente tre: una teoria cognitiva (o formalistica), una teoria scettica (o realista), ed una teoria mista (o intermedia), che tenta di conciliare le due precedenti. La teoria cognitiva sostiene che l’interpretazione è “scoperta”, conoscenza empirica o del significato “proprio”, oggettivo, dei testi normativi (ad es.: le leggi) o della soggettiva intenzione delle autorità normative (ad es.: il Parlamento). “The discovery of the law – scrive a tal riguardo J. Austin - which the lawgiver intended to establish, is the object of genuine interpretation: or (…) its object is the discovery of the intention with which he constructed the statute, or of the sense which he attached to the words wherein the statute is expressed” 1 . Tale concezione (teoria “conoscitiva” dell’interpretazione), che vede nell’interpretazione un’attività di mera conoscenza, non di volontà, di carattere puramente tecnico, deriva dal considerare la normazione una sfera nettamente distinta da quella dell’interpretazione: l’interprete viene a configurarsi come soggetto istituzionalmente distinto e contrapposto al legislatore; esso conosce norme già prodotte da quest’ultimo, norme che, dunque, preesistono all’attività interpretativa. Tale visione dell’impresa ermeneutica soggiace alla credenza che le parole abbiano un significato “proprio”, “intrinseco”, dipendente dalla relazione oggettiva tra parole e cose; o alla credenza che le autorità legislative abbiano una volontà come gli individui oppure un’intenzione univoca e riconoscibile. Ragionando in tal guisa, scopo dell’interpretazione diventa semplicemente scoprire questo significato e questa intenzione preesistenti, già incorporati nelle leggi e in genere nei testi normativi. Per ogni enunciato normativo dovrebbe esservi dunque sempre una, ed una sola, interpretazione “vera”. La direttiva metodologica formalistica postula di conseguenza che ci si debba attenere, nell’interpretazione di un documento legislativo, ove la lettera della legge non sia oscura, ad un’interpretazione cosiddetta “dichiarativa”, attribuendo all’enunciato il senso più immediato ed intuitivo. Essa può sintetizzarsi nel brocardo in claris non fit interpretatio. La teoria cognitiva ritiene, infine, che i sistemi giuridici siano necessariamente “completi” (ossia privi di lacune) e coerenti (ossia privi di antinomie), in modo tale che ogni controversia ricada nell’ambito applicativo di una sola norma giuridica preesistente. Non vi sarebbe allora spazio per la discrezionalità giudiziale: le decisioni dei giudici essendo determinate esclusivamente da norme giuridiche preesistenti. Quindi, ogni questione di diritto sarebbe suscettibile di una sola risposta giusta o corretta. A conclusioni radicalmente antitetiche pervengono invece le teorie realiste (o scettiche) dell’interpretazione giuridica, le quali costituiscono oggetto precipuo della presente tesi. Esse considerano elementi costitutivi del diritto non le statuizioni, bensì formulazioni linguistiche di significato indeterminato. Prima dell’interpretazione 1 J. AUSTIN, Lectures on Jurisprudence or The Philosophy of Positive Law, London, Murray, 1911, pp. 1023-1024.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi