Skip to content

Il rafforzamento delle capacità delle relazioni internazionali dell’Unione Europea dopo il Trattato di Lisbona

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Favarin
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Simone Paoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 323

Questa analisi ha il fine di fare disamina del modo in cui il Trattato di Lisbona – firmato nel 2007 ed entrato in vigore nel 2009 - abbia rafforzato il settore delle relazioni internazionali dell’Unione europea.
Il primo capitolo apre con una digressione storica, che analizza le prime forme di integrazione nell’ambito delle relazioni internazionali delle varie Comunità europee che si sono susseguite – con particolare riguardo alla Comunità europea di difesa, alla fondazione della Cooperazione politica europea, i due “Piani Fouchet” e un’analisi dei diversi Trattati che hanno rafforzato le Comunità nell’ambito delle relazioni internazionali.
Il secondo capitolo, invece, analizza – a livello politico, diplomatico e giuridico – in quale maniera il Trattato di Lisbona abbia rafforzato la capacità delle diverse istituzioni nell’area delle relazioni internazionali. Più precisamente, tale capitolo fa un’analisi storiche dell’evoluzione delle differenti istituzioni dell’Unione, al fine di provare in che maniera il Trattato di Lisbona abbia rafforzato la loro posizione nel settore delle relazioni internazionali.
Infine, l’ultimo capitolo prende in analisi tre casi di studio, con lo scopo di verificare in che modo l’ultimo Trattato di riforma abbia migliorato il settore delle relazioni internazionali dell’UE.
Il primo caso di studio analizza le relazioni tra l’UE e l’Organizzazione delle Nazioni Unite, prendendo in considerazione lo status di osservatore rafforzato concesso all’Unione, dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, creando – in tal maniera – un precedente, dato che l’Unione europea è la prima, e fino a ora l’unica, Organizzazione internazionale a aver ottenuto tale status giuridico presso l’Assemblea Generale dell’ONU. Inoltre, il capitolo prende in considerazione in che modo il Trattato di Lisbona abbia migliorato, anche, lo status dell’Unione presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
Il secondo caso di studio tratta, invece, dei rapporti tra Unione e Consiglio d’Europa. Tale analisi apre con un excursus storico, che prende in considerazione le relazioni tra le diverse Comunità che hanno susseguito – a partire dalla CECA fino alla CEE, passando per l’EURATOM – con il Consiglio d’Europa fino alla firma del Trattato di Lisbona. Il capitolo analizza in che modo il Trattato di Lisbona abbia aperto nuove possibilità nei rapporti tra Consiglio e UE, fino a prevedere un’eventuale adesione della seconda Organizzazione internazionale alla prima.
Il terzo e ultimo caso di studio disamina delle relazioni tra l’UE e la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Dopo un’analisi storica del rafforzamento della posizione delle diverse Comunità europee, il capitolo tratta del modo in cui il Trattato di Lisbona preveda un obbligo di adesione alla Convezione. Il capitolo descrive – dettagliamene – l’accordo raggiunto, perché l’UE aderisca alla Convenzione e il periodo di stand – by deciso, dopo che la Corte di Giustizia dell’UE ha dato parere negativo, nel 2014, al succitato accordo.
Questa analisi conclude, sostenendo che l’UE è stata in grado di agire, come attore unico, dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona – quantomeno nei suoi rapporti con le altre Organizzazioni internazionali. Ciononostante, questa tesi conclude, asserendo che al fine di avere una politica estera – e, quindi, le relazioni esterne – dell’Unione che sia coerente sarebbe necessario che l’UE si trasformi negli Stati Uniti d’Europa.Questa analisi ha il fine di fare disamina del modo in cui il Trattato di Lisbona – firmato nel 2007 ed entrato in vigore nel 2009 - abbia rafforzato il settore delle relazioni internazionali dell’Unione europea.
Il primo capitolo apre con una digressione storica, che analizza le prime forme di integrazione nell’ambito delle relazioni internazionali delle varie Comunità europee che si sono susseguite – con particolare riguardo alla Comunità europea di difesa, alla fondazione della Cooperazione politica europea, i due “Piani Fouchet” e un’analisi dei diversi Trattati che hanno rafforzato le Comunità nell’ambito delle relazioni internazionali.
Il secondo capitolo, invece, analizza – a livello politico, diplomatico e giuridico – in quale maniera il Trattato di Lisbona abbia rafforzato la capacità delle diverse istituzioni nell’area delle relazioni internazionali. Più precisamente, tale capitolo fa un’analisi storiche dell’evoluzione delle differenti istituzioni dell’Unione, al fine di provare in che maniera il Trattato di Lisbona abbia rafforzato la loro posizione nel settore delle relazioni internazionali.
Infine, l’ultimo capitolo prende in analisi tre casi di studio, con lo scopo di verificare in che modo l’ultimo Trattato di riforma abbia migliorato il settore delle relazioni internazionali dell’UE.
Il primo caso di studio analizza le relazioni tra l’UE e l’Organizzazione delle Nazioni Unite, prendendo in considerazione lo status di osservatore rafforzato concesso all’Unione, dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, creando – in tal maniera – un precedente, dato che l’Unione europea è la prima, e fino a ora l’unica, Organizzazione internazionale a aver ottenuto tale status giuridico presso l’Assemblea Generale dell’ONU. Inoltre, il capitolo prende in considerazione in che modo il Trattato di Lisbona abbia migliorato, anche, lo status dell’Unione presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
Il secondo caso di studio tratta, invece, dei rapporti tra Unione e Consiglio d’Europa. Tale analisi apre con un excursus storico, che prende in considerazione le relazioni tra le diverse Comunità che hanno susseguito – a partire dalla CECA fino alla CEE, passando per l’EURATOM – con il Consiglio d’Europa fino alla firma del Trattato di Lisbona. Il capitolo analizza in che modo il Trattato di Lisbona abbia aperto nuove possibilità nei rapporti tra Consiglio e UE, fino a prevedere un’eventuale adesione della seconda Organizzazione internazionale alla prima.
Il terzo e ultimo caso di studio disamina delle relazioni tra l’UE e la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Dopo un’analisi storica del rafforzamento della posizione delle diverse Comunità europee, il capitolo tratta del modo in cui il Trattato di Lisbona preveda un obbligo di adesione alla Convezione. Il capitolo descrive – dettagliamene – l’accordo raggiunto, perché l’UE aderisca alla Convenzione e il periodo di stand – by deciso, dopo che la Corte di Giustizia dell’UE ha dato parere negativo, nel 2014, al succitato accordo.
Questa analisi conclude, sostenendo che l’UE è stata in grado di agire, come attore unico, dopo l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona – quantomeno nei suoi rapporti con le altre Organizzazioni internazionali. Ciononostante, questa tesi conclude, asserendo che al fine di avere una politica estera – e, quindi, le relazioni esterne – dell’Unione che sia coerente sarebbe necessario che l’UE si trasformi negli Stati Uniti d’Europa.

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Favarin
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Simone Paoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 323

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
RIASSUNTO Il fine primario di tale analisi è quello di verificare fino a che punto il Trattato di Lisbona, firmato nel 2007 ed entrato in vigore due anni dopo, abbia rafforzato quello che è – tradizionalmente- considerato uno dei settori che rappresentano il sinonimo della sovranità statale: le relazioni internazionali dell’Unione europea. Il primo capitolo dell’analisi apre con una digressione storica, che prende in considerazione il periodo che ricopre lo sviluppo delle prime forme di integrazione fino alla ratifica del Trattato di Lisbona. Più nello specifico, vengono analizzate la Comunità europea di difesa, la Cooperazione politica, i “Piani Fouchet” e i diversi Trattati – dai Trattati di Roma, firmati nel 1957 ed entrati in vigore nel 1958 sino al Trattato che avrebbe adottato una Costituzione per l’Europa, concluso nel 2004 e mai entrato in vigore – abbiano, dapprima, inserito – informalmente – un’area esclusa dei Trattati istitutivi, quella delle relazioni esterne delle Comunità e, successivamente, rafforzato tale ambito. Il secondo capitolo analizza, invece, in che modo le relazioni internazionali dell’UE siano state rafforzate, da un punto di vista istituzionale. Tale sezione analizza – dettagliatamente – la storia delle istituzioni dell’Unione fino alle modifiche apportate dall’ultimo Trattato di riforma, al fine di verificare il loro rafforzamento – attraverso il Trattato di Lisbona – nel settore delle relazioni esterne. Infine, l’ultimo capitolo prende in considerazione tre casi di studio, con lo scopo di provare se – effettivamente - le modifiche apportate dal Trattato di Lisbona, nell’area delle relazioni internazionali, siano state in grado di migliore l’azione esterna dell’Unione. I tre casi di studio prendono in considerazione i rapporti tra l’Unione e altre Organizzazioni internazionali – l’ONU, il Consiglio d’Europa e la Convenzione europea per i diritti umani. Mentre il primo caso di studio analizza l’attuale status di osservatore rafforzato, concesso all’UE dall’Assemblea Generale dell’ONU – venendo tale status considerato un precedente a livello giuridico, dato che l’UE è la prima Organizzazione internazionale ad aver ottenuto tale tipo di status – e come il Trattato di Lisbona abbia influenzato – positivamente – anche, sullo status dell’Unione presso il Consiglio di Sicurezza dell’ONU, il secondo caso di studio tratta di come si sono sviluppati i rapporti tra l’UE e il Consiglio d’Europa, prevedendone, addirittura, una possibile adesione. Il terzo caso di studio tratta di come il Trattato di Lisbona abbia previsto una clausola, che preveda l’obbligo di adesione alla Convenzione. Si conclude che l’UE sia stata in grado di agire in qualità di attore unico. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi