Skip to content

Il turismo crocieristico dalle origini ai giorni nostri: il caso del Porto di Salerno e la sua collocazione nel contesto mediterraneo

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Navarra
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in Economia e Gestione del Turismo
Anno: 2012
Docente/Relatore: Michele Tamma
Istituito da: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

La comprensione del fenomeno crocieristico passa per l'intendimento delle dinamiche in atto nell'economia mondiale e turistica. Nell'ultimo trentennio questa tipologia di turismo ha assunto connotati tali da riuscire ad uscire indenne da conflitti, crisi economiche e tragici eventi che in un modo o nell'altro avrebbero potuto condizionarne lo sviluppo. Pur essendo ancora oggi una voce di minore importanza all'interno dell'economia turistica, il turismo crocieristico è destinato ad un positivo avvenire, anche in considerazione della crescita esponenziale registrata a partire dalla sua nascita, negli anni Sessanta.
Questa costante ed a tratti imprevedibile evoluzione ha attirato l'attenzione di investitori privati, decisori pubblici, stampa, studiosi e turisti. Il progressivo allargamento della domanda si è verificato per la sempre maggiore attenzione al mercato dei cruise operator che, grazie all'innalzamento del reddito pro capite dei paesi mercato, hanno operato prevalentemente in ottica “generalista”, adottando una serie di strategie finalizzate al miglioramento dell'accessibilità del prodotto, come i pacchetti fly&cruise per il collegamento fra città di provenienza e porto di imbarco, o le politiche di pricing al ribasso in particolari periodi dell'anno per incrementare l'occupazione media e destagionalizzare i flussi.
La domanda italiana si evoluta nel corso del tempo sulla scia di quella globale, con politiche di marketing che hanno permesso un cambiamento di immagine del prodotto crociera agli occhi del mass market, rendendolo più accessibile. Nella penisola italiana la distribuzione del prodotto è stata affidata quasi unicamente a network di agenzie di viaggio o singole agenzie. Solo negli ultimi anni, con l'avvento delle nuove tecnologie, è iniziata la vendita tramite le OTA (Online Travel Agencies).

Il Porto di Salerno svolge un ruolo strategico al servizio degli scambi commerciali e del sistema dei trasporti dell'Italia centro-meridionale. La struttura guarda dal mare una delle città più belle del Mediterraneo, in una posizione a metà tra la costiera Amalfitana e Cilentana. La forte e agevole interazione tra lo scalo marittimo, le reti ferroviarie, aeroportuali ed autostradali costituisce un importante aspetto che favorisce e semplifica le attività di import ed export.
Relativamente al comparto crocieristico, il Porto di Salerno fa parte dal 2007 del circuito delle più importanti e prestigiose compagnie di navigazione di rilievo internazionale.
Salerno ed il suo porto sono immerse in un territorio ricco di luoghi suggestivi, coste indimenticabili e preziosi siti archeologici (scavi di Paestum, Pompei ed Ercolano in primis), potendo vantare bellezze naturali a portata di mano, facilmente raggiungibili grazie agli ottimi collegamenti.
Nell'ambito del costante spostamento delle crociere dalla zona caraibica all'area mediterranea molti scali europei, tra cui quello salernitano, sono stati interessati per la prima volta dal fenomeno crocieristico per la loro importanza strategica. Il grande interesso suscitato da Salerno e dal suo porto è testimoniato sia dall'aumento delle imprese crocieristiche che richiedono di attraccarvi che dal crescente numero di scali delle compagnie già presenti.
Nel contesto Mediterraneo i porti più in concorrenza con il Porto di Salerno sono quelli che si ritrovano in una fase simile a quella che sta attraversando lo scalo salernitano, vale a dire porti emergenti che offrono un servizio similare ed appartenenti alla stessa area. Considerando questi due criteri insieme con quello delle rotte servite potremmo citare in primis Marsiglia, che sempre più spesso si ritrova nella geografia degli itinerari crocieristici predisposti dalle compagnie in competizione con lo scalo salernitano.
Concentrando invece l'attenzione sul territorio nazionale, in una visione più allargata la concorrenza è con porti dai grandi volumi di traffico come gli home port di Venezia, Civitavecchia e Genova. Un altro porto che sta seguendo le orme di questi ultimi è quello di Catania, divenuto home port ed in fortissima crescita, così come quello di Livorno, che in prospettiva futura risulta essere ancora più temibile e con il quale potrebbe accendersi una concorrenza più serrata in virtù dell'ampio ventaglio di risorse e fattori di attrattiva.
Discorso a parte ed analisi ben più approfondita merita il Porto di Napoli. La vicinanza, che può essere interpretata sia come opportunità di integrazione e possibilità di sinergie che come agguerrita concorrenza, è sicuramente un fattore da tenere in grande considerazione, anche perché ci riferiamo alle uniche due realtà portuali in Campania a presentare due Autorità Portuali geograficamente fin troppo vicine, che dovrebbero essere considerate come un unico complesso portuale, secondo uno studio sulla portualità italiana pubblicato dal CNEL.

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Navarra
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in Economia e Gestione del Turismo
Anno: 2012
Docente/Relatore: Michele Tamma
Istituito da: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Situato nell’omonimo golfo del Mar Tirreno, il Porto di Salerno è uno dei maggiori porti presenti sul territorio nazionale e riveste un ruolo molto importante nel contesto industriale e commerciale del Mezzogiorno d’Italia, oltre che dell’area Mediterranea 1 . Localizzato ai confini della città, la sua posizione baricentrica, a metà tra la costiera Amalfitana e Cilentana, gli consente di assumere un ruolo strategico nell’economia marittima italiana, anche grazie all’efficiente rete di collegamento con l’entroterra. Fig.1.0: Ubicazione del Porto di Salerno Lo scalo salernitano, però, prima di conoscere la grandissima fase di sviluppo dell’ultima decade, ha vissuto vicende alterne nel corso dei secoli, a partire dai secoli successivi al XIII quando conobbe la prima fase di ampliamento disposta da Manfredi di Svevia. La sua immagine, che per diverso tempo è stata offuscata dal porto di Napoli, ha cominciato a rafforzarsi dagli anni Settanta in avanti, quando finalmente a Salerno venne costruito il primo porto commerciale degno di nota, opera che permetterà al Porto di Salerno di diventare anno dopo anno una delle realtà produttive più importanti nel contesto dapprima italiano e poi Mediterraneo. In quegli anni, inoltre, il Porto venne dotato di un collegamento all’autostrada A3 Napoli-Salerno-Reggio Calabria mediante il raccordo di Via Alfonso Gatto (un altro raccordo permetterà anche il collegamento all’A30 Salerno-Nola-Caserta), in pratica un viadotto che 1 La Legge n.84 del 28/01/1994 (Legge sul «Riordino della legislazione in materia portuale») stabilisce una distinzione dei porti in due categorie: una prima che comprende i porti destinati alla difesa militare ed alla sicurezza dello Stato ed una seconda che comprende tutti gli altri porti di rilevanza almeno regionale. Nell’ambito della II categoria distinguiamo tre classi: I classe: porti internazionali; II classe: porti nazionali; III classe: porti regionali ed interregionali. Il porto di Salerno è iscritto nella II categoria dei porti marittimi, I classe. Secondo la suddetta legge all’art.4 a questa categoria appartengono ―porti, o specifiche aree portuali, di rilevanza economica internazionale‖.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mercato crocieristico
turismo crocieristico
autorità portuale di salerno
porto di salerno
evoluzione del turismo crocieristico
il ruolo dei porti nel turismo crocieristico
traffico passeggeri nel turismo crocieristico
la nuova stazione marittima di salerno
congestionamento e destagionalizzazione
home port e port of call

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi