Skip to content

La democrazia protetta ed il paradigma securitario: verso un regresso costituzionale?

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Indice della tesi: La democrazia protetta ed il paradigma securitario: verso un regresso costituzionale?, Pagina 1
2 
 
Indice 
INTRODUZIONE, OVVERO I NOSTRI “7 MINUTI” ....................................4 
CAPITOLO 1 ......................................................................................................9 
LA TUTELA DELLA COSTITUZIONE ...........................................................9 
1.1 - CARATTERI GENERALI 9 
1.2 - L’AUTOTUTELA COSTITUZIONALE 10 
1.2.1 - LIMITI ESPRESSI ........................................................................................ 10 
1.2.2 - LIMITI DEDUTTIVI O IMPLICITI ................................................................... 12 
1.2.3 - LIMITI LOGICI: UNA QUESTIONE DI POLITICA ............................................. 13 
1.3 - GLI STRUMENTI CLASSICI A DIFESA DEL NUCLEO ESSENZIALE DELLA LEGGE 
FONDAMENTALE 16 
1.3.1 - IL CONTROLLO DI COSTITUZIONALITÀ ....................................................... 16 
1.3.2 - MODELLI E CLASSIFICAZIONI .................................................................... 17 
1.3.2.1 - Il caso Bonham: la nascita della giustizia costituzionale ......................... 18 
1.3.2.2 - Judicial review statunitense: ancora oggi un modello di controllo diffuso?
 ........................................................................................................................... 20 
1.3.2.3 - Kelsen ed il modello di controllo accentrato: la Verfassungserichtsbarkeit
 ........................................................................................................................... 24 
1.3.3 - IL MODELLO INCIDENTALE ......................................................................... 26 
1.3.3.1 - Accentrato con prevalenza incidentale, il modello italiano ..................... 27 
1.3.3.2 - Accentrato con prevalenza concreta, il modello tedesco ......................... 28 
1.3.3.3 - Il caso francese ...................................................................................... 29 
1.3.4 - IL PRINCIPIO DI LEGALITÀ E LA RISERVA DI LEGGE .................................... 30 
1.3.5 - IL DIRITTO DI RESISTENZA ......................................................................... 32 
1.3.5.1 - Breve excursus storico ........................................................................... 34 
1.3.5.2 - La visione duale del diritto di resistenza ................................................ 37 
1.3.5.3 - La diffusione del diritto di resistenza nelle varie costituzioni ................. 38 
1.3.6 - STATO DI EMERGENZA E COSTITUZIONE: FRATTURA, 
IPERCOSTITUZIONALIZZAZIONE E SOSPENSIONE ...................................................... 39 
CAPITOLO 2 .................................................................................................... 43 
I GRADI DI PROTEZIONE DELLA COSTITUZIONE ................................ 43 
2.1 - DALLA DICOTOMIA “DEMOCRAZIA PROTETTA/NON PROTETTA” ALLA LOGICA 
PER GRADI 43 
2.2 - KARL LOEWEINSTEIN E LA DEMOCRAZIA PROTETTA O “MILITANTE” 44 
2.3 - LA DEMOCRAZIA “PROTETTA” È ANCORA ATTUALE? 46 
2.4 - MODELLI DI PROTEZIONE 48 
2.4.1 - LA PROTEZIONE DELLA RAPPRESENTANZA ................................................ 52 
2.3.2 - LA PROTEZIONE DELL’ACCESSO AL GOVERNO ........................................... 53 
2.4.3 - LA PROTEZIONE DELLA COSTITUZIONE ...................................................... 53

3 
 
2.5 - I DIVERSI LIVELLI O GRADI DI PROTEZIONE 54 
2.6 - IL GRADO DI DEMOCRAZIA, IL LIVELLO DI PROTEZIONE E LA GEOPOLITICA 55 
2.6.1 - DEMOCRAZIE CONSOLIDATE: L’AREA EURO ATLANTICA ............................ 56 
2.6.2 - L’AREA POST SOVIETICA: DALL’IDEOLOGIA ALLA DEMOCRAZIA ................ 66 
2.6.3 - SUD AMERICA: LA DEMOCRAZIA TRA POTERE CIVILE E TENTAZIONE 
MILITARE ............................................................................................................ 70 
CAPITOLO 3 .................................................................................................... 85 
LA DEMOCRAZIA, LA SICUREZZA DELLO STATO ED IL 
PARADIGMA SECURITARIO ....................................................................... 85 
3.1 - LA DEMOCRAZIA LIBERALE: POLITICA, NECESSITÀ DEL CONSENSO, SICUREZZA
 85 
3.2 - LA SICUREZZA NAZIONALE COME INTERESSE ESSENZIALE E PREMINENTE 87 
3.3 - LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO: LA FINE DI UN’EPOCA E LE NUOVE 
MINACCE MONDIALI. 89 
3.3.1 - LA QUESTIONE TEDESCA ........................................................................... 90 
3.3.2 - CROLLO DEL SOCIALISMO, RIUNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E NUOVA 
EUROPA .............................................................................................................. 91 
3.3.3 - DAI VOPOS A GUANTÁNAMO: LA FINE DELLA GUERRA FREDDA, L’INIZIO DI 
UN NUOVO MONDO. ............................................................................................. 93 
3.4 - LIBERTAS E SECURITAS: LA RETORICA SECURITARIA 94 
3.5 - COSTITUZIONE, LIBERTÀ E SICUREZZA 97 
3.6 - PRIMA E DOPO L’UNDICI SETTEMBRE, IL TERRORISMO IN FRANCHISING 98 
3.7 - LE DERIVE ISTITUZIONALI, IL PASSATO PERDUTO 100 
CAPITOLO 4 .................................................................................................. 104 
EMERGENZA ED OPZIONI UTILIZZATE NEI SISTEMI DEMOCRATICI
 ......................................................................................................................... 104 
4.1 - ITALIA E “DECRETI SICUREZZA”: UNA GESTIONE COSTITUZIONALMENTE 
VALIDA DEL FENOMENO IMMIGRATORIO? 104 
4.1.1 - I RILIEVI DEL CAPO DELLO STATO ED I DUBBI DI COSTITUZIONALITÀ ....... 105 
4.2 - GERMANIA, IL PARTEIVERBOT: LA DEMOCRAZIA COMBATTIVA 111 
4.2.1 - I CASI SRP (1952) E KPD (1956) ............................................................. 114 
4.2.2 - LA SENTENZA 2BVB 1/13: IL CASO NPD (2017) ...................................... 116 
4.2.3 - UNA CONSIDERAZIONE DA TRARRE SUL NOSTRO PAESE E SULLA FRANCIA
 ......................................................................................................................... 117 
4.3 - PAESI SCANDINAVI, I PARTITI ANTISISTEMA 119 
4.4 - REGNO UNITO, TERRORISMO E POTERI DI DETENZIONE 122 
4.4.1 - TERRORIST ACT 2000 ............................................................................... 124 
4.4.2 - ANTI-TERRORISM, CRIME AND SECURITY ACT 2001; IL “CERTIFICATO” DI 
TERRORISMO E LO HUMAN RIGHS ACT 1998 (DESIGNATED DEROGATION) ORDER 
2001 .................................................................................................................. 125 
4.4.3 - TERRORISM ACT 2006 E COUNTER-TERRORISM ACT 2008 .......................... 127

4 
 
4.4.4 - CONSIDERAZIONI .................................................................................... 128 
4.5 - U.S.A., US P.A.T.R.I.O.T. ACT 2001 129 
4.5.1 - IL MISTERIOSO CASO DEL DOMESTIC SECURITY ENHANCEMENT ACT OF 2003 
(OVVERO IL PATRIOT ACT II) .............................................................................. 131 
4.5.2 - L’ORDINE BR-13 80, LA NATIONAL SECURITY AGENCY ED IL CASO VERIZON
 ......................................................................................................................... 136 
4.5.3 - P.A.T.R.I.O.T. ACT, DATAGATE, PRISM: CYBERWAR, ULTIMA FRONTIERA 138 
4.5.4 - IL RUOLO DEL POTERE GIUDIZIARIO: IL CASO DI GUANTANÁMO, “A LEGAL 
BLACK HOLE” ..................................................................................................... 141 
4.5.4.1 - La sentenza Rasul v. Bush .................................................................... 145 
4.5.4.2 - La sentenza Hamdi v.Rumsfeld ............................................................ 145 
4.5.4.3 - La sentenza Rumsfeld v. Padilla ........................................................... 147 
4.5.5 - QUALCHE CONCLUSIONE ......................................................................... 148 
4.6 - ISRAELE, LO STATO DI EMERGENZA PERENNE 149 
4.6.1 - LA QUESTIONE COSTITUZIONALE ............................................................ 150 
4.6.2 - IL RUOLO FONDAMENTALE DELLA SUPREME COURT E LA “RIVOLUZIONE 
COSTITUZIONALE” .............................................................................................. 152 
4.6.3 - LOTTA AL TERRORISMO E TUTELA DEI DIRITTI DURANTE L’EMERGENZA: LE 
“PAROLE MAGICHE” ........................................................................................... 155 
4.6.4 - LA SEPARATION-FENCE ............................................................................ 157 
4.6.5 - “TARGETED KILLINGS” ............................................................................. 157 
4.6.6 - INTERROGATORI, TORTURA ED ECCEZIONE DI NECESSITÀ ......................... 158 
4.6.7 - CONSIDERAZIONI .................................................................................... 160 
CONCLUSIONI FINALI ................................................................................ 161 
BIBLIOGRAFIA ............................................................................................. 167

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Indice dalla tesi:

La democrazia protetta ed il paradigma securitario: verso un regresso costituzionale?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vittorio Navacci
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Cristina Gazzetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

emergenza
diritti individuali
11 settembre
patriot act
democrazia protetta
paradigma securitario
stato di emergenza
undici settembre
emergenzialità
compressione dei diritti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi