Skip to content

La Mostra d'Arte Missionaria dell'Anno Santo del 1950 ed i partecipanti artisti giapponesi

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Indice della tesi: La Mostra d'Arte Missionaria dell'Anno Santo del 1950 ed i partecipanti artisti giapponesi, Pagina 1
INDICE GENERALE 
Prefazione ……………………………………………………………………..………...7 
Sigle ed Abbreviazioni ...................................................................................................15 
Introduzione Generale.....................................................................................................17 
Prima Parte 
L’Esposizione Missionaria Vaticana del 1925 e gli anni seguenti 
Capitolo Primo 
L’Esposizione Missionaria Vaticana dell’Anno Santo del 1925….…...................... 23 
1.1. Le fonti..…...…………………………………………………................................ 23 
1.2. Il Comitato Direttivo................................................................................................ 28 
1.3. La descrizione della Mostra.…………………………………………………..….. 30 
1.3.1. Gli intenti…………….………………………………………………….….. 30 
1.3.2. L’inaugurazione.………..…………………..………………………………. 31 
1.3.3. I Padiglioni…...……………..…………………………………………..….. 32 
1.4. Il Padiglione Etnografico……………………………………………………...…. 35

LA MOSTRA D’ARTE MISSIONARIA DELL’ANNO SANTO DEL 1950 ED I PARTECIPANTI 
ARTISTI GIAPPONESI 
294 
 
1.5. Il Padiglione Giapponese ………………………………………………………….37 
1.5.1. Il Padiglione nei Giardini Vaticani.……………………………………….... 37 
1.5.2. L’esposizione del Padiglione Giapponese….…………………………….… 37 
1.5.3. L’inaugurazione ritardata e le visite di Pio XI….………………………….. 39 
1.5.4. I dati del Comitato della Delegazione Apostolica in Giappone.…………… 42 
1.6. La conclusione della Mostra……………………………………………………... 43 
Capitolo Secondo 
Dopo l’Esposizione Missionaria Vaticana del 1925 fino all’Anno Santo del 1950.. 45 
2.1. Il Museo Missionario Etnologico Lateranense........................................................ 45 
2.2. I documenti presso l’Archivio Apostolico Vaticano.………………………..…… 48 
   2.2.1. Un antico servizio da campagna e un’armatura antica (1926).…………….... 49 
   2.2.2. Una bambola giapponese ed una racchetta di “Hanetsuki” (1930).………... 50 
2.2.3. I Ventisei Martiri Giapponesi di Seikyo Okayama (1931).……………….... 50 
   2.2.4. Due maschere del teatro “No” (1939).……………………………………... 51 
2.3. L’Esposizione d’Arte Giapponese a Roma (1930).…………………………….… 53 
   2.3.1. Il Barone Okura, mecenate d’arte.………………………………………….. 53 
2.3.2. Il paravento di Seiho Takeuchi al Museo Etnologico Anima Mundi….……. 54 
   2.3.3. Padre Paolo Yoshigoro Taguchi.………...…………………………………. 54

INDICE GENERALE 
295 
 
2.4. Annali Lateranensi…...………………………………………………………….... 55 
   2.4.1. Annali Lateranensi vol. 1 (1937).…………………………………………... 55 
   2.4.2. Annali Lateranensi vol. 2 (1938).…………………………………………... 56 
2.5. I documento presso l’Archivio Storico “de Propaganda Fide”.………………….. 57 
   2.5.1. Il dono del Museo Commerciale di Tokyo (1939).………………………….57 
   2.5.2. La Madonna giapponese donata al Generale MacArthur (1945).………….. 58 
2.6. L’istituzione della relazione diplomatica tra il Giappone e la Santa Sede (1942).. 59 
2.7. I documenti presso l’ Archives Generalatus Societas Verbi Divini.….……..…….62 
   2.7.1. La Vergine del Giardino di Yamaguchi (1946).……………………………. 62 
     2.7.1.1. La lettera da Valencia al mons. Celso Costantini.……………….…….. 63 
     2.7.1.2. Il monumento a san Francesco Saverio a Yamaguchi.………………… 64 
     2.7.1.3. La chiesa di Yamaguchi.………………………………………………. 65 
2.7.1.4. Il padre Moisés Domenzain SJ....………………………………….……65 
2.7.2. Un tondo commissionato agli artisti giapponesi (1948).………………...…..67 
2.7.3 Una Madonna di Teresa Kimiko Koseki (1949).………………………...…..68 
2.7.4. Preparazione per la Mostra d’Arte Missionaria del 1950.……………..…….70 
2.8. Il 400° anniversario dell’arrivo di san Francesco Saverio in Giappone (1949).…..72 
   2.8.1. La Rihanilitation Committee ed il Generale MacArthur.…………………....73

LA MOSTRA D’ARTE MISSIONARIA DELL’ANNO SANTO DEL 1950 ED I PARTECIPANTI 
ARTISTI GIAPPONESI 
296 
 
   2.8.2. Il pellegrinaggio con la reliquia di san Francesco Saverio………………......74 
2.9. La Mostra d’Arte Cattolica a Tokyo (1949).……………………………………....76 
   2.9.1. L’Associazione d’Arte Cattolica.………………………………………...….76 
   2.9.2. La decima Mostra d’Arte Cattolica.………………………………………....79 
Parte Seconda 
Arte Missionaria ed i suoi artisti giapponesi 
Capitolo Terzo 
Arte missionaria…..…...................................................................................................83 
3.1. Celso Costantni, Segretario di Propaganda Fide.…………….................................83 
   3.1.1. Il suo contributo all’arte sacra.……………………………………………….83 
   3.1.2. Il suo contributo alla lingua liturgica nella Chiesa cinese.……..…………....84 
3.2. Arte missionaria.……………………………………………….………………….86 
   3.2.1. La nascita d’arte missionaria.…………………………………………….....86 
   3.2.2. Il manuale dell’arte per i missionari (1940)…………………………………88 
   3.2.3. Gli artisti giapponesi d’arte missionaria.…………………………………….90 
3.3. Paolo Marella, Delegato Apostolico in Giappone.……………………….………..92 
   3.3.1. La lettera al Superiore Generale Wlodimiro Ledochowski SJ (1934).………94 
3.3.2. Il suo discorso ai Missionari sullo spirito di comprensione dell’anima 
giapponese (1937).………………………………………………………..…………….95

INDICE GENERALE 
297 
 
3.3.3. La lettera a mons. Celso Costantini circa il linguaggio usato per la Mostra 
d’Arte Missionaria (1937).…………………………………………………………..96 
   3.3.4. Il suo contributo per la liturgia nella Chiesa giapponese.……………………98 
   3.3.5. La sua eredità al Museo del Tesoro di San Pietro.………………………....100 
3.4. Hernann Heuvers SJ, “Advisor to the Catholic Artists of Japan”.……………….100 
Capitolo Quarto 
Luca Hasegawa……....................................................................................................103 
4.1. Bon Samaritain di Londra e gli amici della scuola Gyosei.……...........................104 
   4.1.1. Bon Samaritain di Londra (1921).…………………………………………..104 
   4.1.2. Francesco Saverio Soichi Iwashita, sacerdote e filosofo.…………………..105 
   4.1.3. Vincenzo Bunkei Totsuka, sacerdote e medico.…………………………....106 
   4.1.4. La loro partecipazione all’Esposizione Missionaria Vaticana del 1925……107 
4.2. L’incontro con Pio XI insieme al maestro Eikyu Matsuoka (1930).……………..109 
4.3. La pittura religiosa secondo Luca Hasegawa, il pittore in Missione.………….....110 
4.4. La chiesa di Katase ed il suo fondatore Stefano Shinjiro Yamamoto.……….…..111 
   4.4.1. I dipinti della chiesa di Katase (1939, 1946).……………………………....111 
   4.4.2. Stefano Shinjiro Yamamoto, frate in divisa militare..…………………..….111 
   4.4.3. La Madonna della Stella Mattutina di Luisa Franchi Mussini.…………….113

LA MOSTRA D’ARTE MISSIONARIA DELL’ANNO SANTO DEL 1950 ED I PARTECIPANTI 
ARTISTI GIAPPONESI 
298 
 
4.4.4. L’Aurora del Giappone e padre Domingos Chohachi Nakamura, primo 
Missionario giapponese mandato all’estero (1938)………………..………………….114 
4.5. La chiesa dei Santi Martiri Giapponesi a Civitavecchia.……………………..…..115 
   4.5.1. L’Anno Santo del 1950.………………………………………………….....116 
   4.5.2. La pittura giapponese all’interno della chiesa occidentale….……………...118 
   4.5.3. La spiritualità di Hasegawa, pittore cattolico....……………..………….….119 
4.6. La Madonna dell’Aurora donata a Paolo VI (1967).……………………….….…120 
Capitolo Quinto 
Teresa Kimiko Koseki.................................................................................................123 
5.1. La spiritualità di Kimiko…………………………………... …….........................124 
5.2. La lettera dalla sua nipote, suor Kyoko Shibukawa..…………………………….124 
5.3. Le lettera autografa conservata all’Archivio Storico “de Propaganda Fide” (1957) 
…………………………………………………………………………………..……126 
5.4. Il francobollo natalizio vaticano (1964).……………………………………..…..128 
   5.4.1. La scena natalizia ambientata nel nord del Giappone……………………...128 
   5.4.2. Gli incontri col mons. Paolo Marella.…………………………………..…..129 
   5.4.3. Le cartoline ideate da Paolo Marella.……………………………………....131 
5.5. Oriens Institute for Religeous Research………………………………….………132 
   5.5.1. Le cartoline con i disegni realizzati con la tecnica della xilografia...………132

INDICE GENERALE 
299 
 
   5.5.2. Memorandum sulla sua biografia…………………………….……….……133 
   5.5.3. La lettera dal suo nipote ed il libretto con le sue opere.…………………....133 
5.6. Il Museo d’Arte della Prefettura di Miyagi..………………………….………….134 
   5.6.1. Le cartoline natalizie con il suo “Japan Style”……………………………..135 
   5.6.2. L’incontro con Giovanni Paolo II (1982)……………………………..……135 
Capitolo Sesto 
Seikyo Okayama..........................................................................................................139 
6.1. La spiritualità di Okayama…………………………………... …….....................139 
6.2. Due mostre su Okayama a Nagasaki: “Ora risorge il pittore geniale” (2019) e “Un 
genio dimenticato” (2020).…………………………………………………..………..141 
6.3. Circa le altre opere di Seikyo Okayama.…………………………………….…...141 
6.4. La visita di papa Francesco al Japan Twenty-Six Martyrs Museum a Nagasaki 
(2019).…………………………………………………………………………………143 
Terza Parte 
La Mostra d’Arte Missionaria del 1950 e gli artisti giapponesi partecipanti 
Capitolo Settimo 
La Mostra d’Arte Missionaria dell’Anno Santo del 1950........................................147 
7.1. Le fonti.……………...............................................................................................149 
7.1.1. La vicenda intorno alla Mostra rinviata…………………………….....……150

LA MOSTRA D’ARTE MISSIONARIA DELL’ANNO SANTO DEL 1950 ED I PARTECIPANTI 
ARTISTI GIAPPONESI 
300 
 
7.1.2. La destinazione degli oggetti esposti dopo la Mostra..……………………..152 
7.2. Le Commissioni…………………………………………………………………..153 
7.3. Descrizione della Mostra..………………………………………………….…….154 
7.3.1. Gli intenti……………………………………………………………...……154 
7.3.2. L’inaugurazione..…………………………………………………………...155 
7.3.3. L’Esposizione Internazionale d’Arte Sacra……………….………………..156 
7.3.4. Le sezioni..………………………………………………………………….159 
7.4. La sezione giapponese……………………………………………………………159 
   7.4.1. La lista degli oggetti esposti nella sezione giapponese..………………..….160 
   7.4.2. Identificazione degli artisti e delle opere esposte.………………………….162 
   7.4.3. Analisi degli artisti partecipanti.………………………………...………….170 
Capitolo Ottavo 
Dopo le Mostre l 1950..................................................................................................173 
8.1. Dal Museo Missionario Etnologico Lateranense al Museo Etnologico Anima Mundi 
……………………………………………………………………………………..….173 
   8.1.1. Il Museo Missionario Etnologico Lateranense...……………………...….....173 
   8.1.2. Il Museo Missionario Etnologico Vaticano..……………………………….176 
   8.1.3. Il Museo Etnologico Vaticano..………………………………………….…178 
   8.1.4. Il Museo Etnologico Anima Mundi……………………………….………..179

INDICE GENERALE 
301 
 
   8.1.5. I dipinti degli artisti giapponesi d’arte missionaria..………………...……..180 
8.2. Il Museo Missionario di Propaganda Fide………………………………………..182 
   8.2.1. “A scuola” di Teresa Kimiko Koseki..……………………………………..183 
   8.2.2. “L’ora del thé” di Teresa Kimiko Koseki………………………………......185 
   8.2.3. “Il viaggio notturno invernale” di Teresa Kimiko Koseki..………………..185 
   8.2.4. “Beata Grazia Hosokawa” di Teresa Kimiko Koseki………………………186 
   8.2.5. “Donna cristiana con bambino” di Teresa Kimiko Koseki..……………….188 
8.3. La Pontificia università Urbaniana..……………………………………………...188 
   8.3.1. “L’Annunciazione” di Luca Hasegawa…………………………….………189 
   8.3.2. “Il Natale” di Teresa Kimiko Koseki..………………………………….….190 
8.3.3. “La Processione del Corpus Domini” di Keiko Oshima…………………...191 
8.3.4. “Grazia Hosokawa” di Seikyo Okayama..……………………………...…..192 
8.3.5. L’altare di san Francesco Saverio con affresco di Luca Hasegawa………..193 
8.4. La Galleria d’Arte Contemporanea della Pro Civitate Christiana..………………193 
   8.4.1. “La Madonna col Bambino” di Teresa Kimiko Koseki……………..……..195 
   8.4.2. “Il Cristo coronato” di Luca Hasegawa…..…………………………...……195 
   8.4.3. Un’altra Madonna giapponese della Galleria………………………..……..197 
8.5. Il Museo Civico d’Arte ed il Museo Diocesano di Arte Sacra di Pordenone..…...200

LA MOSTRA D’ARTE MISSIONARIA DELL’ANNO SANTO DEL 1950 ED I PARTECIPANTI 
ARTISTI GIAPPONESI 
302 
 
   8.5.1. “L’Immacolata” di Luca Hasegawa..………………………………...…….200 
   8.5.2. “La Madonna col Bambino e due angeli adoranti” di Luca Hasegawa….....202 
   8.5.3. “La Poesia di Natale” di Teresa Kimiko Koseki..……………………….…202 
8.6. La sede romana dei Marianisti.……………………………………………….…..203 
   8.6.1. “Ritratto del beato Chaminade” di Luca Hasegawa………………………..203 
   8.6.2. Un altro ritratto del beato Chaminade di Luca Hasegawa..………………...205 
   8.6.3. Gli altri dipinti di artisti giapponesi..……………………………………….205 
Appendice 
A.1. Un dipinto senza titolo della pittrice Ikuyo Toba nell’Eredità Francia appartenente 
al Capitolo di San Pietro…………………………………….………………………...207 
A.2. Il ritratto di Giovanni Battista Sidotti della pittrice Arisa Douya, commissionato da 
padre Mario Canducci OFM e donato a papaFrancesco……..………………………..209 
Conclusione..………………………………………………………………………….213 
Tavole.……………………………………………………………………..………….221 
Bibliografia..…………………………………………………………………….…….271 
Indice Generale…………………………………………………………..……………291

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Indice dalla tesi:

La Mostra d'Arte Missionaria dell'Anno Santo del 1950 ed i partecipanti artisti giapponesi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Kaori Sakai
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Guida Turistica
Anno: 2021
Docente/Relatore: Marco Gallo
Istituito da: Pontificio Ateneo S. Anselmo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 302

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giappone
arte
mostra
missione
luca hasegawa
celso costantini
paolo marella
teresa kimiko koseki
seikyo okayama
anno santo 1950

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi