Skip to content

L'Italia degli anni Settanta: ''Luci e Ombre''. Dai moti del 1968 al rapimento di Aldo Moro.

Tra il 1969 e il 1980 l'Italia ha vissuto una stagione difficile e complessa, costellata di avvenimenti di una certa portata, che ancora oggi mantiene un posto centrale nel dibattito storico e pubblico. Avendo sempre nutrito una grande passione per la Storia, in particolare quella del Secolo breve, la scelta della materia sulla quale individuare l'argomento oggetto della mia relazione finale, è stata ovvia. Più difficile è risultato individuare il tema da trattare ma, alla fine, la decisione è ricaduta sull'Italia degli anni Settanta. La tematica in questione ha sempre suscitato in me una profonda curiosità, scaturita soprattutto dalla descrizione che sul web, sulla televisione e nel credo comune veniva data a questo decennio. Per lo più etichettati come anni di Piombo, di terrorismo, di stragi e del sequestro Moro, vengono circondati ancora oggi da un certo alone di mistero, come se non sapessimo nulla di ciò che è accaduto e come se dovessero emergere chissà quali verità da far cambiare il corso della Storia. Dunque, per redigere questa relazione, ho cercato di rispondere all'interrogativo «se quegli anni potessero essere descritti in quel modo e se veramente il mistero li avvolge e ne fa da cornice». Su questa base ho quindi improntato il mio studio. Studio che naturalmente non poteva essere svolto avendo di mira solo quel decennio, ma richiedeva una conoscenza generale dell'Italia del secondo dopoguerra. E dato che nessun avvenimento può prescindere dal contesto storico nel quale è inserito, ho deciso di dividere la relazione in due capitoli più le conclusioni. Il primo capitolo affronterà in maniera generale la situazione dell'Italia dopo la Seconda guerra mondiale fino al 1969, passando per gli anni della ricostruzione e quelli del miracolo economico, per giungere alla fine degli anni Sessanta dei moti studenteschi e operai. La seconda parte della relazione – concentrata nel Capitolo 2 – rappresenta il tema centrale dello scritto, ovvero, gli anni Settanta. Qui verrà descritto un intero decennio di storia d'Italia che non potrà essere slegata dal contesto storico internazionale, il quale svolge un ruolo di cornice per gli avvenimenti trattati, senza cui sarebbe impossibile comprenderne le dinamiche. L'elaborato verrà ultimato con il capitolo contenente le conclusioni e la risposta agli interrogativi che mi sono posto in fase di studio e stesura. Sperando di aver ottenuto un testo scorrevole, comprensibile e ordinato, nonostante la complessità degli argomenti trattati, passo all' enunciazione degli obiettivi di questo lavoro. Oltre all'intento di ottenere un elaborato fluido, ho cercato di fare luce sulle ombre degli anni Settanta per mettere in risalto quanto oggi si conosca e quanto effettivamente manca per completare il puzzle storico. Inoltre, essendomi basato su fatti accertati, mi sono posto l'obiettivo di non alimentare dietrologie e falsità; forse la cosa più difficile da fare, dato l'elevata presenza di fatti non appurati. Nella speranza di aver ottenuto un'analisi storica e apolitica, da «spettatore imparziale», lascio al lettore fare i conti con il passato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Tra il 1969 e il 1980 l’Italia ha vissuto una stagione difficile e complessa, costellata di avvenimenti di una certa portata, che ancora oggi mantiene un posto centrale nel dibattito storico e pubblico. Avendo sempre nutrito una grande passione per la Storia, in particolare quella del Secolo breve, la scelta della materia sulla quale individuare l’argomento oggetto della mia relazione finale, è stata ovvia. Più difficile è risultato individuare il tema da trattare ma, alla fine, la decisione è ricaduta sull’Italia degli anni Settanta. La tematica in questione ha sempre suscitato in me una profonda curiosità, scaturita soprattutto dalla descrizione che sul web, sulla televisione e nel credo comune veniva data a questo decennio. Per lo più etichettati come anni di Piombo, di terrorismo, di stragi e del sequestro Moro, vengono circondati ancora oggi da un certo alone di mistero, come se non sapessimo nulla di ciò che è accaduto e come se dovessero emergere chissà quali verità da far cambiare il corso della Storia. Dunque, per redigere questa relazione, ho cercato di rispondere all’interrogativo «se quegli anni potessero essere descritti in quel modo e se veramente il mistero li avvolge e ne fa da cornice». Su questa base ho quindi improntato il mio studio. Studio che naturalmente non poteva essere svolto avendo di mira solo quel decennio, ma richiedeva una conoscenza generale dell’Italia del secondo dopoguerra. E dato che nessun avvenimento può prescindere dal contesto storico nel quale è inserito, ho deciso di dividere la relazione in due capitoli più le conclusioni. Il primo capitolo affronterà in maniera generale la situazione dell’Italia dopo la Seconda guerra mondiale fino al 1969, passando per gli anni della ricostruzione e quelli del miracolo economico, per giungere alla fine degli anni Sessanta dei moti studenteschi e operai. Per comodità sarà diviso in cinque paragrafi con i primi due che tratteranno un ventennio (anni ’50 e ’60), il terzo e il quarto improntati sui movimenti collettivi e sul ’68 italiano, fino ad arrivare all’ultimo che tratta della discesa di Berlinguer nel PCI; personaggio che risulterà utile per comprendere meglio la politica degli anni di Piombo. Per fare ciò ho utilizzato come libro generale quello consigliato per il corso di Storia Contemporanea, L’età contemporanea di Salvatore Lupo e Angelo Ventrone, utilizzato come base di partenza per fornire una descrizione del contesto storico italiano e internazionale. Per descrivere gli anni Cinquanta ho utilizzato il testo della professoressa Cecilia Dau Novelli, Politica e nuove identità nell’Italia del “miracolo”, che fornisce degli elementi importantissimi per comprendere non solo il “miracolo” ma altresì gli anni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Pani
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Cecilia Novelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi