Skip to content

Le Relazioni Santa Sede/Thailandia dal secondo conflitto mondiale ad oggi

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Piazzardi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere
  Corso: Storia
  Relatore: Annibale Zanbarbieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

La presente tesi comprende un arco temporale di cinque secoli di relazioni tra Santa Sede e regno del Siam, a partire dalle prime evangelizzazioni dei cappellani delle navi portoghesi fino agli editti papali sul Siam ('brevi'), ai contatti epistolari, agli incontri tra pontefici e sovrani, dei quali la visita di Giovanni Paolo II in Thailandia del 1984 rappresentò il momento più alto.
Tra le fonti inedite consultate per la ricerca: Archivio Segreto Vaticano (ASV) Biblioteca Apostolica Vaticana (BAV) Archivi della Congregazione 'De Propaganda Fide' (APF). In Thailandia: Archivio Arcidiocesi di Bangkok, Archivi Nazionali Thailandesi, epistolari delle missioni cattoliche, manoscritti e riviste, atti di Seminari, conferenze e monografie

Viene qui analizzata l'opera dei pontefici Pio IX, Leone XIII, Pio X, Pio XI e i suoi successori - che fanno da sfondo alle relazioni tra Roma e questo regno lontano. Di ostacolo a questo percorso furono i dissidi tra i missionaria portoghesi e quelli di Francia, riflesso delle rispettive potenze marittime, in declino l'una, al proprio apogeo l'altra.
Fu dunque non prima della seconda meta' del secolo XIX che le relazioni tra Vaticano e Siam registrarono - per merito dei sovrani Rama IV e Rama IX - un rinnovato impulso.
La duplice visita di quest'ultimo in Italia (1897-1907) rappresentò la svolta nelle relazioni, religiose e diplomatiche t ra i due regni. Simboli di questo 'nuovo corso' le visite in Vaticano di principi ereditari, e soprattutto la presenza dei Reali siamesi alla cerimonia di canonizzazione di Don Bosco, avvenuta a Roma nel 1934.
Il secondo conflitto mondiale coincide con il periodo dell'intolleranza religiosa nel Siam. Il sillogismo clero di Francia = Indocina colonia francese si impose dopo l'ascesa al potere del Gen. filo-giapponese Phibul Songkran (1939-1944). Varie furono le vittime - beatificate a San Pietro in tempi recenti - entrate nel martirologio cristiano di questo Paese
La visita ufficiale a Roma (1960) di Bumiphol e Sirikit, sovrani di Thailandia, ricevuti da Giovanni XXIII segnò il definitivo ritorno alla normalità di rapporti.
Sotto il pontificato di Paolo VI l'apertura della Nunziatura Apostolica in Thailandia nel 1972 e l'incontro di Montini con il Patriarca buddista Savannarat (1972) fu l'ulteriore passo in avanti.
Con il ricordato viaggio in Thailandia di Karol Woityla (10 maggio 1984), Giovanni Paolo II confermo' il proprio ruolo di 'leader' spirituale e fenomeno mediatico. Folle di buddisti al suo arrivo allo stadio di Bangkok ne furono esempio. Ma i vincoli protocollari non gli impediranno di prendere posizione, con la sola autorità morale di cui egli disponeva, sull'annosa e “vexata quaestio” dei profughi rifugiati in Thailandia, vittime di guerre piccole e grandi, tragiche in uguale misura. Questa la 'cifra' politica e spirituale della visita di Woytila in Thailandia.

Il resto è storia dei nostri giorni. Nel 2005 Joseph Ratzinger, appena nominato papa, celebra a Roma il 'Synodus Episcoporum' con la presenza del Cardinale thailandese Michai, e, un anno dopo, il Congresso Missionario Asiatico di Chieng Mai (2006) con il tema dello sfruttamento femminile, sono un riconoscimento del nuovo ruolo
della Thailandia negli equilibri dell'area del sud-est asiatico. Nel 2011 le calamita' naturali che hanno funestato il Paese riscontrano piena solidarietà e conforto di Benedetto XVI.
È l'ultima sua allocuzione con riferimento alla Thailandia. È il 2013: anno delle sue dimissioni e dell' ascesa al Soglio Pontificio di Jorge Mario Bergoglio, d'ora innanzi Papa Francesco. Il 12 settembre la prima 'donna di stato' di Thailandia, Yingluck Shinawatra, È in visita in Vaticano. È la nuova immagine della Thailandia che si sovrappone alle altre. Biblici, paiono quasi, i tempi del viaggio di Woytila in Thailandia.

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Piazzardi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere
  Corso: Storia
  Relatore: Annibale Zanbarbieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
V INTRODUZIONE Si può pensare alla Thailandia come a un „crocevia religioso‟? Se ci si limitasse al mero dato statistico la risposta sarebbe impegnativa e pleonastica al tempo stesso. In un Paese che nei secoli vide la fioritura del buddhismo di scuola theravada ogni altra religione che professata – islam, induismo, cristianesimo – non può che essere relegata a un ruolo di marginalità. Ma il Paese che deve il significato del proprio nome all‟espressione “terra degli uomini liberi“, in quanto fu l‟unico nel sud-est asiatico ad aver preservato la propria indipendenza dagli appetiti coloniali di Francia, Inghilterra e Giappone, ha storicamente avuto – e tuttora conserva – una fondamentale funzione di „snodo‟ politico e religioso. La Santa Sede fu ben consapevole di questa sua duplice valenza, conferita più da storia e geografia che da stime numeriche. Lo fu a partire dal XVII secolo, allorché i primi missionari giunsero nel Siam, quale terra di evangelizzazione alternativa alla Cina che aveva chiuso le proprie porte. Il fatto che la loro predicazione si rivolgesse in primis a minoranze etniche e religiose, – sfuggite alle persecuzioni in altri Paesi e riparate ad Ayuthaya, capitale del regno siamese – fu un buon indicatore del clima di tolleranza che si respirava nel regno,come attesta la prima lettera papale inviata nel 1699 da Clemente IX al re del Siam Narai. Si è ritenuto utile rievocare eventi legati a epoche storiche remote perché la trattazione ha tra le proprie mete prefisse quella di dimostrare come situazioni e problematiche del Siam/Thailandia appaiano sostanzialmente immutate nel corso di secoli. Al di là del suo tema centrale – le relazioni Santa Sede-Thailandia – il presente studio comprende infatti la realtà dei rifugiati delle zone di confine con altri Paesi dell‟area, punctum dolens degli appelli vaticani nei consessi internazionali e degli Angelus domenicali a San Pietro. Certo i nomi sono mutati: gli sfollati annamiti del Tonchino di un tempo hanno ceduto il posto ai „boat people‟ vietnamiti, e le minoranze degli armeni o degli esuli cristiano-giapponesi sono ora quelle degli Akka, Hmong, Karen e Robhinya. Tuttavia la precarietà della loro esistenza permane invariata rispetto a quella di secoli addietro. Nel momento in cui un arco temporale di considerevole ampiezza viene preso in esame, è d‟obbligo „mettere in bilancio‟ le relative, inevitabili luci ed ombre. In questo studio vi è spazio dedicato ad entrambe: gesuiti e francescani alla corte siamese, missionari combattenti per la difesa di Ayuthaya assediata dai birmani, sodalizi intellettuali di vescovi e sovrani, rappresentano quell‟epitome positiva, che alimentò le speranze di conversioni dei sovrani al cristianesimo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vaticano
canonizzazione
missioni
thailandia
bangkok
siam
editti papali
papa woytila
conflitto mondiale
re rama ix

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi