Skip to content

Hate speech. Analisi linguistica e retorica dei commenti d’odio su Facebook e Twitter.

Questa tesi ha lo scopo di suscitare una riflessione profonda prendendo coscienza di quanto sia importante il fenomeno dello hate speech e di quanto esso debba essere contrastato. Esso ha inquinato i contenuti comunicativi su scala mondiale alimentando la diffusione di mis-information (notizie false ma innocue che non ledono nessuno) e mal-information (notizie vere ma strumentalizzati ad hoc diffuse con l'intenzione di danneggiare persone, istituzioni o intere comunità). Così, su queste piattaforme, il linguaggio diventa d'odio avvalendosi di un potente strumento, ossia, la retorica che in questo elaborato viene ribattezzata come dispregiativa. Proprio questa retorica dispregiativa viene analizzata dal punto di vista linguistico, nella sua forma e significato, prendendo in considerazione post e tweet di alcune testate giornalistiche online riguardo quattro personaggi specifici: Boldrini, Romano, Rackete e Murgia. Di questi estratti si analizzeranno i commenti d'odio rilasciati dagli utenti di Facebook e Twitter, evidenziando come questi siano ascrivibili alla retorica dispregiativa e, dunque, allo hate speech.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il mondo dell’informatica ha generato più comodità ed economia nel mondo dell’uomo portando con se però anche notevoli svantaggi. L’intento dell’elaborato è quello di analizzare attraverso le innovazioni della comunicazione, con l’avvento dell’internet, l’evolversi del linguaggio. Per aumentare gli agi, per divulgare informazioni, per inviare dati e immagini, per avere dei confronti, ma anche soltanto per divertirsi, diventa indispensabile oggi avere una rete di comunicazione virtuale. Le innovazioni tecnologiche hanno influenzato e continueranno ad influenzare la vita quotidiana di ognuno di noi cambiandone le abitudini, e diventa inevitabile che le rivoluzioni del sistema tecnico multimediale si impongono nella nostra vita. Partendo da questo pensiero, ho preso in considerazione l’analisi linguistica quantitativa e qualitativa dei commenti d’odio sulle piattaforme social. Per poter comprendere tale analisi si è reso indispensabile muoversi all’interno della legislatura italiana ed europea, per capire dapprima le norme che stabiliscono e tutelano la libertà di espressione e successivamente quelle che ammoniscono l’odio e la discriminazione. Il tutto senza tralasciare l’evolversi dei modelli comunicativi tradizionali. La mia analisi è mirata allo hate speech, ovvero l’incitamento all’odio sui social network, con uno studio specifico di due delle piattaforme virtuali, in Italia più famose e utilizzate, quali Facebook e Twitter. Focalizzandomi su come le loro policies arginano l’odio sul web e su quanto queste risultino non sufficienti, ho preso in esame l’ambiente socio-politico-economico come culla del linguaggio dell’odio. Per tracciare e racchiudere lo hate speech, capirne le dinamiche e come avviene, si è reso indispensabile partire dalla differenza di linguaggio e dal codice deontologico della comunicazione classica, quale il giornale cartaceo, e quella della comunicazione moderna, che oggi ci riguarda su dispositivi tecnologici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Marica Caprino
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Relatore: Donato Cerbasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 218

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giornalismo
linguistica
retorica
linguistica generale
odio
facebook
twitter
hate speech
commenti odiosi
linguaggio d'odio

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi