Skip to content

La luce come elemento plastico: la costruzione di ambienti e forme in teatro attraverso la luce

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Vertua
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Letteratura, musica e Spettacolo
  Relatore: Marta Marchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

Lo scopo di questa tesi è descrivere come i registi e gli scenografi più significativi nella storia della messa in scena abbiano sfruttato la luce da un punto di vista plastico per creare gli spazi all'interno del palcoscenico.
Laddove è stato possibile sono state prese in considerazione le intenzioni del regista, ma, a causa della difficoltà nel reperirne gli appunti, l'analisi degli spettacoli presi a esempio sarà svolto principalmente a posteriori, tramite l'osservazione del risultato grazie agli studi degli storici e alle testimonianze dei critici. Purtroppo non esistono appunti di tecnici, ingegneri elettronici, light designer che descrivano la parte più pratica dell'allestimento luci, rendendo difficile in alcuni casi lo studio della correlazione fra lo strumento e l'atmosfera voluta dall'autore e percepita dal pubblico.
La suddivisione dei capitoli di questo testo è su base concettuale e non cronologica, poiché si è preferito trattare singolarmente e compiutamente i diversi modi di intendere lo spazio/ luce presi in analisi. Senza alcuna pre- tesa di esaustività, si è cercato di scegliere gli aspetti che potessero essere più significativi a illustrare un così vasto argomento.
A seguito di un'introduzione sul tema della luce e sulla storia dell'illuminotecnica teatrale, ci si occupa del movimento: le personalità prese in esame sono Edward Gordon Craig, un pioniere nell'uso dinamico dello spazio e della luce, Joseph Svoboda, consideratone l'erede, Appia e Enrico Prampolini, con il loro anelito alla sintesi. Il successivo capitolo analizza lo spazio reso astratto tramite la luce nell'ambito delle esperienze di Alexandre de Salzmann, Vasilij Kandinskij e Alexandr Skrjabin e i futuristi. Il capitolo dedicato alla “scrittura scenica” descrive l'impiego semantico della luce in Luigi Pirandello, in Memé Perlini, che fa di Pirandello l'oggetto della sua riflessione, e in Robert Wilson, mentre un'attenzione particolare va riservata allo spazio “psicoplastico” inventato da Joseph Svoboda. L'ultimo capitolo ha un'impostazione diversa: partendo da un lavoro svolto dall'autrice (in qualità di tecnico audio-luci), si racconta come la luce possa costruire degli spazi nel contesto di un teatro votato al minimalismo più per ragioni economiche che estetiche. 


Informazioni tesi

  Autore: Giulia Vertua
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Letteratura, musica e Spettacolo
  Relatore: Marta Marchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA: lo spazio e la luce Nel corso della storia del teatro l’illuminazione a gas (1815 ca.) e l’elettrici- tà (fine Ottocento) hanno cambiato l’estetica della luce, fino all’inizio del secolo scorso quasi inesistente, acquisendo così una valenza inedita di strumento espressivo nelle mani dello scenografo. Si demolirono in questo modo le convenzioni scenografiche fino ad allora imperanti, come i fondali dipinti, avviandosi alla ricerca di una nuova dinamica fra i diversi elemen- ti sul palcoscenico, quali architettura scenica, attori, luce. È così che, so- prattutto grazie al contributo di Adolphe Appia (1862-1928) e Edward Gordon Craig (1872-1966), la luce fu investita di nuove funzioni nel corso del Novecento: oltre a rendere visibile l’azione in scena ne descrive l’atmo- sfera e la psicologia. L’argomento si presenta pertanto assai vasto. Lo scopo di questa tesi è descrivere come i registi e gli scenografi più signi- ficativi nella storia della messa in scena abbiano sfruttato la luce da un punto di vista plastico per creare gli spazi all’interno del palcoscenico. Laddove è stato possibile sono state prese in considerazione le intenzioni del regista, ma, a causa della difficoltà nel reperirne gli appunti, l’analisi degli spettacoli presi a esempio sarà svolto principalmente a posteriori, tramite l’osservazione del risultato grazie agli studi degli storici e alle te- stimonianze dei critici. Purtroppo non esistono appunti di tecnici, inge- gneri elettronici, light designer che descrivano la parte più pratica dell’al- lestimento luci, rendendo difficile in alcuni casi lo studio della correlazio- ne fra lo strumento e l’atmosfera voluta dall’autore e percepita dal pubbli- co. In virtù dell’esperienza lavorativa di chi scrive in qualità di tecnico audio- luci nell’ambito di piccole produzioni teatrali, si è ritenuto utile inserire a 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi