Skip to content

Le raffigurazioni di divinità nell'arte rupestre del quarto stile della Valcamonica (Età del Ferro)

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Sangalli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2015-16
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Angelo Eugenio Fossati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Le raffigurazioni di divinità nell’arte rupestre del quarto stile della Valcamonica (età del Ferro)
Questa tesi di laurea si pone l’obiettivo di fornire un quadro generale su quanto noto sulla religiosità durante l’età del Ferro nell’area alpina, in particolare in Valcamonica, ed individuare la possibile influenza delle popolazione camune in altre culture che vi entrarono in contatto.
Le scoperte avvenute fino ad oggi nell’ambito delle incisioni rupestri e le tecniche elaborate per garantire un’eccellente rilievo, e dunque uno studio accurato, fondato su basi scientifiche sono molte. Si rivela perciò necessario fornire, in questa tesi, un riassunto della storia delle ricerche e un’analisi accurata della cronologia, con un focus speciale sul IV stile e l’Età del Ferro (fase 4), che rappresentano il periodo più ricco ed identificativo della civiltà camuna.
Nel secondo capitolo di questa tesi, si amplia lo sguardo a tutta l’area alpina e ad altri tipi di manifestazioni di culto: tra i più diffusi, possiamo osservare i Gewässerfunde (oggetti offerti alle acque), gli Höhenfunde (deposizioni votive di oggetti) e i Brandopferplätze (roghi di oggetti materiali o vittime sacrificali animali con scopo votivo).
Il santuario di Breno in Valcamonica è un esempio di venerazione verso le acque e, pare che abbia un’origine nella media Età del Ferro.
È importante osservare le figure di divinità che nel periodo dell’età del Ferro sembrano finalmente possedere una personalità ben delineata e non sono più rappresentate da oggetti evocativi e simbolici, bensì hanno un nome preciso e possono essere associate a divinità note anche in altre culture, come quella romana o quella celtica.
La divinità Cernunnos, in particolare, aiuta ad osservare interessanti ipotesi sulle possibili influenze dei Camuni verso altre culture come quelle celtiche o dei Romani: ciò viene illustrato nel dettaglio all'interno della tesi.
Una proposta di R. De Marinis [1988, I Camuni. Le popolazioni alpine di stirpe retica in Italia omnium terrarum alumna], che è alla base di questa tesi, consiste nell’idea che il Cernunnos di Naquane, essendo la più antica raffigurazione del dio in Europa, non sia il simbolo di un’influenza celtica verso i Camunni bensì il contrario. I Celti sarebbero stati influenzati proprio dai Camunni e in generale dai popoli alpini nell’adottare il culto a Cernunnos. Questa ipotesi viene avvalorata dal fatto che le tematiche che si associano a questo dio (i cervi, i serpenti...) sono tipiche della Valcamonica.
Questa tesi sottolinea, dunque, come le raffigurazioni di divinità, proprie del IV stile e cioè dell’età del Ferro, siano prova dell’importanza della cultura dei Camunni ed afferma la necessità di continuare a studiare la sua possibile influenza sulle culture alpine sia coeve che successive.

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Sangalli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2015-16
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Angelo Eugenio Fossati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Questa tesi di laurea si pone l’obiettivo di fornire un quadro generale su quanto noto sulla religiosità durante l’età del Ferro nell’area alpina, e in particolare in Valcamonica. Questo testo comincia fornendo un’idea di quelle che sono le scoperte avvenute fino ad oggi nell’ambito delle incisioni rupestri e le tecniche elaborate per garantire un’eccellente rilievo e dunque uno studio accurato, fondato su basi scientifiche. Si rivela perciò necessario fornire anche un riassunto della storia delle ricerche per poi passare all’analisi accurata della cronologia. Le raffigurazioni simboliche, almeno quelle legate al culto, sono registrate in ogni fase stilistica e temporale dell’arte rupestre in Valcamonica; ponendo tali raffigurazioni a confronto con rappresentazioni di territori limitrofi o con il ritrovamento di materiali archeologici, è possibile comprenderne meglio il significato o ipotizzarne la funzione. Si proseguirà poi ampliando leggermente lo sguardo a tutta l’area alpina e ad altri tipi di manifestazioni di culto. Infatti, non sono solo le rocce a fornirci esempi di religiosità e di simbolismo ma anche i roghi votivi e le offerte alle acque. Il nucleo fondamentale di questo testo riguarda le figure di divinità che nel periodo dell’età del Ferro sembrano finalmente possedere una personalità ben delineata e non sono più rappresentate da oggetti evocativi e simbolici, bensì hanno un nome preciso e possono essere associate a divinità note anche in altre culture, come quella romana o quella celtica. La divinità Cernunnos, in particolare, ci permette di far luce su una questione piuttosto interessante: quanta effettiva influenza possano aver avuto i popoli alpini e, in particolare, i Camunni verso queste altre culture? Quanto delle tradizioni, credenze e usanze camune si è tramandato ai Celti o ai Romani?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

celti
valcamonica
arte rupestre
incisioni
divinità
eta del ferro
camuni
cernunnos
divinità celtiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi