Skip to content

La Slave Ship: cronotopo nel modello culturale dell'Atlantico nero

Informazioni tesi

  Autore: Olubukola Monehin
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e letterature moderne euroamericane
  Relatore: Franco Minganti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

Un’analisi del periodo della tratta degli schiavi africani verso il Nuovo Mondo, avvenuto tra XVI e il XIX secolo, e delle relative conseguenze.
Partendo da un’attenta disamina del Middle Passage, tenterò di valorizzare il ruolo importante che hanno svolto le navi negriere nella diaspora africana e nella creazione di nuove forme di ibridazione culturale. Queste culture ibride, sopravvissute fino ad oggi, sono la fusione di elementi caratteristici provenienti dalle diverse culture, mescolate con quella degli schiavi della tratta africana.
Black Atlantic e Black Mediterranean sono le metafore scelte nella presente ricerca, al fine di ricostruire un tema assai tristemente noto alla Storia moderna europea, come la tratta degli schiavi tra il XVI e il XIX secolo, quel fiorente mercato di esseri umani considerati merci, secondo una non condivisibile logica di conquista e profitto di quei paesi occidentali che avviavano, allora, il processo di colonizzazione dei territori aldilà dell’oceano.
Si tratta di due prospettive coeve di lettura di uno stesso evento, replicato a distanza di secoli, che si perpetua, con altri protagonisti di diversa provenienza, in un comune spazio geo-antropologico e culturale qual è l’Africa: il “Mediterraneo Nero” dei flussi migratori nella postmodernità, analizzato da Alessandra Di Maio e Iain Chambers tra gli altri, e l’“Atlantico Nero”, secondo l’approccio di un cultural critic, Paul Gilroy, lo schiavismo del Sei-Settecento nelle acque dell’Atlantico.
In appendice è presente l'intervista che la scrittrice della tesi ha fatto a Paul Gilroy.

Informazioni tesi

  Autore: Olubukola Monehin
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e letterature moderne euroamericane
  Relatore: Franco Minganti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Con il presente lavoro mi propongo di offrire un’analisi del periodo della tratta degli schiavi africani verso il Nuovo Mondo, avvenuto tra XVI e il XIX secolo, e delle relative conseguenze. Partendo da un’attenta disamina del Middle Passage 1 , tenterò di valorizzare il ruolo importante che hanno svolto le navi negriere nella diaspora africana e nella creazione di nuove forme di ibridazione culturale. Queste culture ibride, sopravvissute fino ad oggi, sono la fusione di elementi caratteristici provenienti dalle diverse culture, mescolate con quella degli schiavi della tratta africana. Infine tenterò di riallacciare il concetto della mescolanza culturale del Middle Passage con la teoria molto attuale del Black Atlantic 2 . Black Atlantic e Black Mediterranean 3 sono le metafore scelte nella presente ricerca, al fine di ricostruire un tema assai tristemente noto alla Storia moderna europea, come la tratta degli schiavi tra il XVI e il XIX secolo, quel fiorente mercato di esseri umani considerati merci, secondo una non condivisibile logica di conquista e profitto di quei paesi occidentali che avviavano, allora, il processo di colonizzazione dei territori aldilà dell’oceano. Si tratta di due prospettive coeve di lettura di uno stesso evento, replicato a distanza di secoli, che si perpetua, con altri protagonisti di diversa provenienza, in un comune spazio geo-antropologico e culturale qual è l’Africa: il “Mediterraneo Nero” dei flussi migratori nella postmodernità, analizzato da Alessandra Di Maio e Iain Chambers tra gli altri, e 1 Con tale termine si identifica il tratto intermedio del viaggio che le navi compivano dopo essere partite dall'Europa verso l’Africa con prodotti commerciali, prodotti che servivano come merce di scambio per l'acquisto degli schiavi in Africa da traghettare nelle Americhe. 2 Il concetto di diaspora africana per Paul Gilroy è una dispersione di popoli che va oltre i confini nazionali e delinea uno spazio culturale-politico, che non è specificamente africano, americano, caraibico o britannico, bensì una formazione culturale ibrida. 3 Ibridazione culturale degli emigrati dell’età contemporanea che attraversano in nave il Mar Mediterraneo, sulla scorta della navigazione “storica” sulle medesime rotte e degli scambi culturali da esse ingenerate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

paul gilroy
du bois
tratta degli schiavi
slave ship
black atlantic
cronotipo
trauma della tratta
ethnocentrismo
intervista a paul gilroy
il mediterraneo nero

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi