Skip to content

Teoria e applicazione delle scienze pragmatiche ad un copione cinematografico: 1957, ''La parola ai giurati''

Informazioni tesi

  Autore: Erika Colombo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Andrea Sansò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

L’oggetto principale di questa tesi è la pragmatica, quel ramo della linguistica che si occupa del rapporto tra parlanti e segni. Si tratta di una materia di studio molto interessante che mi ha incuriosita perché ogni qualvolta intratteniamo una conversazione con qualcuno, agiamo in maniera inconsapevole, ma spesso nelle nostre parole si nascondono forme più o meno di cortesia, oppure, spesso, quello che realmente vogliamo dire viene camuffato sotto forma di atto indiretto.
Nel primo capitolo di questo lavoro si parte, quindi, da una differenziazione tra sintassi, semantica e pragmatica, per poi passare all’analisi delle diverse posizioni a riguardo, quella semanticista, quella complementarista e quella pragmaticista, così come ai tre diversi approcci che nel tempo si sono formati, quello della filosofia del linguaggio, dove troviamo studiosi del calibro di Wittgenstein, Austin e Strawson, l’approccio francese, con Ferdinand de Saussure, e l’approccio tedesco, con Marty, Reinach, e Büler.
Vengono quindi introdotte diverse definizioni di pragmatica, tra cui quella di Morris, vista come necessario completamento della sintassi e della semantica, quella di Katz e Fodor, ma anche quella di Levinson.
Sempre nel primo capitolo ci si concentra sull’approccio alla disciplina più importante, ovvero quello della filosofia del linguaggio, comprendente le funzioni proprie del linguaggio, ossia quella allocutiva, attributiva, e referenziale.
Il secondo capitolo è incentrato, invece, su tutte le teorie degli atti linguistici. Vi è quindi una prima parte in cui viene introdotta la definizione di atti linguistici, per poi passare all’analisi del lavoro di tutti i filosofi del linguaggio che hanno effettuato studi in questo campo. Tra questi troviamo Frege con la sua teoria sul significato, analizzabile attraverso tre diverse componenti, ossia senso, tono e forza. Il secondo studioso analizzato è Wittgenstein, il quale elabora la teoria raffigurativa del linguaggio. A seguire troviamo poi Austin, il quale individua una differenza tra atti constativi e atti performativi, per passare poi alla sua tassonomia degli atti, che ne comprende cinque diversi tipi. Un altro filosofo del linguaggio che proprio come Austin individua una tassonomia delle diverse tipologie di atti è Searle, il quale però introduce anche la definizione di atti indiretti. Sempre tra i filosofi del linguaggio abbiamo analizzato gli studi di Grice e la sua teoria del significato non naturale. All’interno della sua teoria Grice formula il principio di cooperazione nel quale vengono individuate quattro massime che spiegano cosa un parlante deve fare per conversare efficacemente. Oltre a questo principio, Grice parla anche delle implicature conversazionali. Infine, l’ultimo studioso analizzato in questo secondo capitolo è Reinach.
Il terzo capitolo tratta invece della politeness theory, tutti gli studi riguardanti la cortesia, e in particolare gli studi di Brown e Levinson, Goffman, Lakoff, Leech, Hofstede, Wherkhofer e Watts.
Tra gli studi più importanti, le strategie di negative e positive politeness di Brown e Levinson.
Il quarto ed ultimo capitolo è quello dedicato all’analisi del copione cinematografico del film “La parola ai giurati” del 1957, in cui, dopo aver preso in considerazione delle scene esemplificative, è stato possibile riconoscere esempi di ciò che tutti gli studiosi analizzati nei capitoli precedenti avevano individuato. È stato possibile, infatti, identificare esempi di atti indiretti, di atti appartenenti alle tassonomie di Austin e Grice, ma anche di molte delle strategie analizzate da Brown e Levinson concernenti la cortesia.

Informazioni tesi

  Autore: Erika Colombo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Andrea Sansò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2.2.3.1 Tassonomia di Austin Austin classifica gli atti linguistici secondo cinque categorie, che verranno poi riviste da Searle: • atti verdettivi, sono quelli riguardanti l’emissione di un verdetto o di un giudizio (giudico, condanno, classifico); o “questa corte la dichiara innocente” (atto performativo del sottotipo verdettivo) o “valuto questa prova come insufficiente” • atti esercitivi, sono quelli attraverso cui si esercitano un potere, un diritto o un’influenza (ordino, raccomando, licenzio); o Ti consiglio/ordino di non andare o Ti invito ad uscire immediatamente • atti commissivi, ovvero gli atti del promettere o dell’assumere un impegno per un’azione futura del parlante (prometto, scommetto, giuro); o Ti prometto che metterò in ordine • atti comportativi, ovvero quelli che hanno a che fare con gli atteggiamenti e il comportamento sociale, con le reazioni del parlante ai comportamenti degli altri (mi scuso, mi congratulo, mi lamento); o mi congratulo con te! • atti espositivi, usati in atti di esposizione per illustrare opinioni e argomentazioni o portare avanti discussioni (affermo, cito, nego, spiego). o ammetto che hai ragione o ti faccio notare che hai sbagliato o ti concedo il beneficio del dubbio 2.2.3.2 Condizioni di felicità 35

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguistica
atti linguistici
pragmatica
copione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi