Skip to content

Presentazione del Progetto di Rimpatrio Volontario Assistito "I Colori del Futuro"

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Fattorini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Governo dei flussi migratori
Anno: 2017
Docente/Relatore: Salvatore Ippolito
Istituito da: Link Campus University - L'Università internazionale a Roma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

Gli attuali movimenti migratori risultano aver raggiunto un picco mai registrato negli anni precedenti, in tutto il mondo vi sono 65,3 milioni di persone che sono state costrette a fuggire dal proprio Paese di cui circa 21,3 milioni sono rifugiati, più della metà dei quali di età inferiore ai 18 anni.
Inoltre, ci sono ulteriori 10 milioni di persone apolidi alle quali sono state negate una nazionalità e l’accesso a diritti fondamentali quali istruzione, salute, lavoro e libertà di movimento.
Questa situazione generale impatta fortemente anche nei paesi dell’Unione Europea, in particolare in quelli meridionali che si affacciano sul mar Mediterraneo come l’Italia, come si può constatare dalla sottostante mappa, riferita ai flussi del corrente anno.
Il progetto migratorio di milioni di persone che abbandonano le loro terre di origine non di rado resta frustato dal mancato raggiungimento delle aspettative iniziali. Le difficoltà di integrazione, le difficili condizioni esistenziali che sono costretti a vivere, la precarietà lavorativa e, talvolta, le condizioni di vero e proprio sfruttamento che gli immigrati subiscono sulla propria pelle, può determinare in molti di loro il forte desiderio di tornare a casa.
Spesso però, questo desiderio intimo si scontra con l’impossibilità di realizzarlo per le insufficienti risorse economiche, necessarie ad acquistare il biglietto aereo, ma anche per difficoltà di tipo organizzativo, o ancora per un senso di “vergogna”, quest’ultimo, derivante principalmente dal dover rendere pubblico, presso le proprie comunità di origine, il fallimento del proprio progetto migratorio.
Peraltro, molto frequentemente, il sogno legato all’emigrazione non corrisponde soltanto alle aspettative del singolo migrante in quanto, dietro di lui, vi è una cerchia familiare più o meno estesa, che potrebbe interessare l’intera comunità del villaggio o quartiere della città di provenienza, la quale,su tale progetto, ha partecipato anche sotto il profilo economico, contribuendo al sostenimento delle spese necessarie per il viaggio (legale o meno).
Le aspettative disilluse sovente derivano da organizzazioni criminali che, con l’inganno,convincono migliaia di persone ad espatriare verso i paesi ricchi con la promessa di un lavoro dignitoso e ben remunerato.
Al riguardo vi sono molte inchieste giornalistiche e studi sociologici, tra i quali si può citare quello realizzato dal ricercatore sociale Marco Omizzolo che ha trascorso tre mesi “infiltrato” tra i lavoratori indiani obbligati a lavorare come schiavi nei campi agricoli della provincia di Latina.
Parlando della realtà immigratoria della provincia di Latina, area territoriale per la quale lo scrivente ha approfondito lo studio delle possibili attività nell’ambito del progetto “i colori del futuro”, è logico pensare che la realizzazione di uno specifico progetto di rimpatrio volontario assistito & reintegrazione, debba essere fortemente orientato a quelle realtà più interessate a possibili fenomeni di sfruttamento, come quelli pocanzi citati.
Lo studio della comunità punjabi nelle campagne dell’agro pontino, in provincia di Latina, ha svelato la realtà lavorativa ed esistenziale di molti di loro, impiegati come braccianti agricoli nelle aziende locali.
Un nutrito gruppo di cittadini indiani si è insediata nella provincia del sud pontino a partire dalla metà degli anni Ottanta del ventesimo secolo, in particolare nelle città di Latina, Sabaudia, San Felice Circeo, Pontinia, Terracina e Fondi, dove è sviluppata un’agricoltura intensiva, principalmente in serre, praticata su terreni pianeggianti, con un’organizzazione aziendale diffusa e composta da cooperative agricole o aziende di piccole, medie e grandi dimensioni. Dette aziende sono impegnate
soprattutto nel settore ortofrutticolo, florovivaistico e vitivinicolo, sostenute da un sistema di raccolta e distribuzione dei prodotti agricoli capillare in cui è centrale il mercato ortofrutticolo di Fondi.
=====OMISSIS====
Per concludere, considerato che tutti gli analisti oramai concordano sul fatto che le attuali dinamiche migratorie persisteranno per molti anni ancora, è evidente che non è più possibile governarle con un approccio di tipo “emergenziale”.
Occorre una diversificazione di progetti, pensati per affrontare concretamente le differenti criticità che “fisiologicamente” scaturiscono da tale fenomeno sociale, dirigendoli principalmente verso coloro che giungono nel continente europeo con il proprio progetto migratorio.
Il governo dei flussi migratori è quindi l’unica risposta possibile per garantire un’armonica convivenza civile nelle nostre città e, in quest’ottica, il progetto “i colori del futuro” si inserisce tra quelle best practices che devono approcciare il fenomeno dell’immigrazione con uno spirito realistico, sganciato da forme ideologiche e preconcette.

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Fattorini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Governo dei flussi migratori
Anno: 2017
Docente/Relatore: Salvatore Ippolito
Istituito da: Link Campus University - L'Università internazionale a Roma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 - Obiettivo Specifico 3.Rimpatrio - Obiettivo nazionale 2. Misure di rimpatrio - lett. g) Interventi di RVA/R 22 SEZIONE II: CONTENUTI DEL PROGETTO B.2. 1 Corrispondenza tra proposta progettuale e fabbisogni nel settore di riferimento Descrivere il contesto di riferimento del progetto e i fabbisogni (es. territoriali, di policy, istituzionali, del target group, etc) in corrispondenza della proposta progettuale. Il rimpatrio di coloro che migrano irregolarmente, senza avere diritto di soggiornare nell’UE, verso i loro paesi di origine, nel pieno rispetto del principio di non respingimento, è una parte essenziale dell’impegno globale dell’UE per affrontare la migrazione e in particolare per ridurre quella irregolare. In Italia gli ultimi provvedimenti testimoniano l’impegno verso una più efficace politica di rimpatrio. Nel corso degli ultimi anni, l’Italia ha assistito ad una trasformazione dei flussi migratori, dovuta allo scoppio delle primavere arabe e dei conflitti in Medio Oriente, le crisi politiche, militari e ambientali. Nel 2014, nel 2015 e nel 2016 sono sbarcate in Italia rispettivamente 170.100, 153.842, 181.436 persone, tra richiedenti asilo e migranti economici. (ELABORAZIONI ISMU su dati UNHCR. Sea arrivals to Italy 2014-2016). Il 2016 ha segnato per il nostro Paese un nuovo record: in base ai dati del Ministero dell’Interno il numero di richiedenti asilo e protezione internazionale ha raggiunto la cifra più alta mai registrata in un ventennio, oltre 123mila. I 123mila richiedenti asilo del 2016 sono stati in larga maggioranza uomini (85%), anche se la componente femminile ha registrato un incremento nell’ultimo triennio (costituivano il 7,5% dei richiedenti nel 2014, erano il 12% nel 2015 e rappresentano il 15% nel 2016); sono stati oltre 11.400 i minorenni che hanno richiesto l’asilo nel 2016 (sia al seguito di genitori che non accompagnati) Fonte Istat. I maggiori paesi di provenienza sono dell’Africa subsahariana (Nigeria, Mali, Gambia e Senegal), ma in buona misura anche dall’Asia (Pakistan, Bangladesh e Afghanistan) e Ucraina. Chi arriva in Italia spesso non ha un “progetto migratorio” particolarmente definito, ma segue un sogno impreciso di benessere, che si scontra con la realtà di un’economia in sofferenza. Le normative europee (crisi del Sistema degli Accordi di Dublino) ostacolano gli spostamenti verso paesi più promettenti del nostro. Molti, pur avendo competenze valide e spendibili per il mercato del lavoro, restano intrappolati dai requisiti necessari ad esprimerle, perché non parlano bene la nostra lingua, i titoli di studio e professionali non sono spesso riconosciuti, le abilitazioni e patenti di ogni tipo sono molto difficili e lente da conseguire. Le difficoltà di una lenta integrazione speso sono alla base delle richieste di RV. A queste si aggiungono la difficoltà di natura economica (perdita di lavoro e problemi di sostentamento); la valutazione di un miglioramento della situazione politica o

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immigrazione
india
latina
immigrati economici
protezione internazionale
governo flussi migratori
rimpatri volontari assistiti
lavoratori agricoli immigrati
sabaudia
sezze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi