Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ciclicità dell'economia e Rischio di Credito: una verifica empirica sul periodo 1985-2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 1.1 IL RISCHIO DI CREDITO La prima categoria di rischio in cui una banca incorre è rappresentata dal rischio di credito, ossia dalla possibilità di fluttuazione del valore di mercato del portafoglio creditizio connesso all’insolvenza delle controparti delle operazioni di impiego o posizioni fuori bilancio. Rientrano in tale categoria di rischio sia il tradizionale rischio di insolvenza connesso alle operazioni di prestito nei confronti di controparti residenti, sia il rischio connesso a deterioramenti del merito creditizio degli emittenti dei valori mobiliari detenuti in portafoglio, sia il rischio connesso all’insolvenza di controparti non residenti (rischio Paese), sia ancora il rischio di regolamento e di pre-regolamento connesso alle posizioni in strumenti derivati. Questa tipologia di rischi è collegata alla struttura e alla qualità dell’attivo in bilancio e fuori bilancio. L’affidabilità delle controparti può essere valutata anche sulla base di informazioni commerciali e di rating elaborati da operatori specializzati, ma in ogni caso richiede una attività di analisi che rimane funzione tipica degli intermediari finanziari. Peraltro nella valutazione del merito creditizio si ritiene che gli intermediari dispongano di rilevanti asimmetrie informative rispetto ai mercati; alcuni sostengono che gli intermediari finanziari non possano prudentemente affidarsi a valutazioni espresse da agenzie “indipendenti” che non rischiano il proprio capitale; per queste agenzie può avere più importanza produrre essenzialmente le stesse valutazioni dei concorrenti, che essere accurate nelle previsioni 6 . 6 Un errore compiuto quando i concorrenti sono nel giusto può creare un danno superiore ai benefici derivanti da una previsione accurata quando la concorrenza è in errore.

Anteprima della Tesi di Simone Daparma

Anteprima della tesi: Ciclicità dell'economia e Rischio di Credito: una verifica empirica sul periodo 1985-2002, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Simone Daparma Contatta »

Composta da 289 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2341 click dal 28/10/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.