Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ciclicità dell'economia e Rischio di Credito: una verifica empirica sul periodo 1985-2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 periodo di tempo). Nel caso in cui le poste attive sensibili ai tassi di interesse siano superiori a quelle passive (gap positivo) e non vengano immediatamente a scadere, l’intermediario trae vantaggio da riduzioni dei tassi di interesse e svantaggio da aumenti; effetti analoghi , ma di segno opposto, qualora il gap risulti negativo. c) Il rischio azionario è originato dalla detenzione di titoli azionari in portafoglio e dalle posizioni in contratti derivati aventi per attività sottostanti azioni o indici azionari. Tale rischio è in genere rappresentabile da una componente di rischio sistematico ed una di rischio specifico. La componente di rischio sistematico è riferita al mutamento delle condizioni generali di mercato ed ha un impatto su tutte le azioni simultaneamente, mentre quella di rischio specifico dipende dalle caratteristiche di ogni singola impresa e può essere ridotta mediante la diversificazione del portafoglio. d) Un’ultima tipologia tradizionalmente inclusa in quella più ampia dei rischi di mercato, è costituita dal rischio di liquidità. Tale rischio è determinato dalla eventualità che l’intermediario non sia in grado, alle scadenze convenute, di far fronte ai propri impegni con fondi procurati a condizioni efficienti sul piano dei costi. Si distingue, in linea di principio, dal rischio di insolvenza, in quanto si sostanzia in una situazione temporanea di inadempienza contrattuale, sanabile a breve termine; i confini sono in realtà labili. Questa tipologia di rischio è in primo luogo connessa con la composizione per scadenza delle poste attive e passive, nonché con la qualità dei sistemi di gestione dei flussi di cassa. In particolare, la necessità di disporre di ampie riserve di liquidità si pone in misura più sensibile per gli intermediari maggiormente coinvolti in attività connesse a strumenti derivati: a seguito di cambiamenti nelle condizioni di mercato, fabbisogni di mezzi liquidi possono insorgere in maniera improvvisa e in misura consistente al fine, ad esempio, di adeguare i margini su posizioni aperte su futures o assicurare la copertura di posizioni in strategie di hedging.

Anteprima della Tesi di Simone Daparma

Anteprima della tesi: Ciclicità dell'economia e Rischio di Credito: una verifica empirica sul periodo 1985-2002, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Simone Daparma Contatta »

Composta da 289 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2341 click dal 28/10/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.