Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ciclicità dell'economia e Rischio di Credito: una verifica empirica sul periodo 1985-2002

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 1.3 IL RISCHIO OPERATIVO E “ALTRI RISCHI” La categoria dei rischi operativi ha conosciuto recenti sviluppi analitici. Secondo una prima caratterizzazione, venivano raccolti in tale categoria tutti i rischi che non potevano essere identificati come rischi di credito o di mercato. Questo è stato peraltro anche l’approccio formulato dal Comitato di Basilea nella prima proposta di revisione dell’ Accordo sul Capitale (1988), presentata nel giugno del 1999, infatti, in quel documento questa tipologia veniva definita come “altri rischi”. L’ampio dibattito che è seguito a quella proposta ha permesso di inserire nel Nuovo Accordo sui requisiti di capitale, la distinzione tra rischi operativi e altri rischi 8 : ξ Per i rischi operativi è stata ripresa la definizione riferita ai soli rischi di evento (errori, frodi, eventi disastrosi esterni, inefficienza dei sistemi informatici); tra di essi il Comitato ha incluso anche i rischi “legali”, cioè i rischi di incorrere in perdite a causa del mancato rispetto di leggi, regolamenti, normative internazionali o standard etici. ξ Tra gli “altri rischi” vengono inclusi ed esplicitamente citati nel Nuovo Accordo sul Capitale (anche se non considerati per ora ai fini dei requisiti patrimoniali), i rischi di business, di reputazione e strategici. Il rischio di business consiste negli effetti avversi inattesi, generati da eventi esterni di carattere macroeconomico, di mercato, di contesto concorrenziale, di regolamentazione fiscale. Il rischio strategico è legato a errate decisioni di conduzione aziendale o da lentezze nel processo decisionale di adeguamento al mercato, tanto più rilevanti quanto più impegnativi e irreversibili sono i processi di investimento. Il rischio di reputazione è connesso alla ripercussione di eventi sfavorevoli che incidono negativamente sull’immagine dell’azienda e sulla fiducia riscossa dall’intermediario presso la clientela, condizionandone i risultati economici. 8 Cfr. Comitato di Basilea (Giugno 2004).

Anteprima della Tesi di Simone Daparma

Anteprima della tesi: Ciclicità dell'economia e Rischio di Credito: una verifica empirica sul periodo 1985-2002, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Simone Daparma Contatta »

Composta da 289 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2341 click dal 28/10/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.