Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La neuroeconomia ed il neuromarketing: analisi, valutazioni ed applicazioni.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Il capitolo terzo affronta l’approccio neuronale legato maggiormente al consumer behavior nel marketing. Il punto di partenza è rappresentato dalle teorie classiche di studio e previsione del consumer behavior (focus group, interviste individuali, questionari, esperimenti, etc.); si cerca di individuarne in sostanza quali sono i punti deboli e le forzature, dati i molti anni passati dalla loro teorizzazione. Il consumatore è cambiato molto negli ultimi anni, è mutato il contesto in cui vive e si muove, ma anche le proprie inclinazioni personali e il modo di concepire il consumo. Le teorie classiche di consumer behavior appaiono un po’ in affanno nel loro tentativo di intercettare le intenzioni d’acquisto dei consumatori. Per questo si prendono in considerazione tecniche alternative, più moderne, che fanno uso degli apporti forniti dalla psicologia da un lato e dalla neuroscienza dall’altro. La psicologia aiuta nel riuscire ad estrinsecare le emozioni del consumatore non verbalizzabili: capita spesso di provare qualcosa, ma di non riuscire ad estrinsecarlo a parole; l’ambito psicologico si inserisce nell’ambito di questo tentativo. Metodi innovativi basati sulla metafora, il cosiddetto ZMET, consentono di andare oltre ciò che il consumatore crede di pensare o vuol far credere, tenta di scoprire i sentimenti e le associazioni nascoste durante un messaggio pubblicitario o la semplice osservazione di un brand. Il neuromarketing compie un passo successivo: accantonate le tecniche tradizionali di analisi del consumer behavior ed acquisite come utili le informazioni fornite dal campo di indagine psicologico, esso si sposta verso un’altra frontiera dell’analisi del comportamento del consumatore: non conta più solo ciò che dice il consumatore quando intervistato o sapere a cosa pensa un soggetto sottoposto ad un determinato stimolo, importanza fondamentale è affidata all’attivazione cerebrale dell’individuo e successivamente – fase allo stesso modo importante – si cerca di valutare gli aspetti emozionali dei soggetti: l’associazione fra emozione e ricordo è molto

Anteprima della Tesi di Michael Liguori

Anteprima della tesi: La neuroeconomia ed il neuromarketing: analisi, valutazioni ed applicazioni., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michael Liguori Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13442 click dal 03/11/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.