Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Degradazione e valutazione degli effetti sui microrganismi di una miscela di erbicidi sulfonilureici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 atrazina e glifosate, hanno evidenziato come, in presenza di entrambi i composti, i batteri mostrino una netta preferenza per il glifosate come substrato, passando ad una rapida degradazione dell’atrazina solo in una fase successiva; anche la cinetica di degradazione si è rivelata differente nel confronto con le due sostanze considerate separatamente . Menne e Berger (2000) hanno condotto indagini in scala di campo al fine di valutare il tempo necessario per la degradazione delle due solfoniluree amidosulfuron e tribenuron-metile quando usate in miscela; in questo caso, non è emersa alcuna differenza significativa rispetto ai composti considerati singolarmente. La scarsità di lavori volti a mettere in relazione la biodegradabilità di una molecola con la contemporanea presenza di altre sostanze, unitamente alla non omogeneità dei risultati disponibili, rende sicuramente necessario approfondirne lo studio. 1.1.2. Metodi per la valutazione della tossicità di miscele di fitofarmaci I dati di tossicità ottenuti tramite test di laboratorio con singole sostanze pure forniscono un punto di partenza essenziale per la valutazione del rischio a carico degli organismi che si trovano nell’ambiente; essi tuttavia sono raramente esposti all’ azione di singoli contaminanti, ma tipicamente sono a contatto con miscele di sostanze di origine antropica di natura chimica eterogenea e a concentrazioni variabili. La valutazione diretta di tutte le possibili combinazioni di contaminanti è una via evidentemente non praticabile; i due approcci più seguiti si basano sull’uso di biosensori e sulla creazione di modelli descrittivi. Gli organismi più diffusamente usati negli studi tossicologici di questo tipo sono in genere rappresentativi di ecosistemi acquatici nei quali è tutt’altro che raro individuare residui di molecole xenobiotiche di origine agricola o industriale. Per la facilità di coltivazione e il minor costo rispetto all’ uso di pesci e di macroinvertebrati, la scelta comunemente ricade su specie algali appartenenti al genere Scenedesmus, largamente presente nelle comunità fitoplanctoniche. Geoffroy et al. (2002) hanno testato la tossicità dei due erbicidi diuron e oxyfluorfen su S.obliquus, mostrando come il primo esplichi un effetto antagonistico sulla fitotossicità del secondo ed evidenziando in tal modo come le interazioni tra molecole non abbiano sempre e solo conseguenze nocive. Faust et al. (2001) hanno utilizzato colture di S.vacuolatus in uno studio che ha condotto all’ elaborazione di un modello in grado di prevedere la tossicità di miscele multi-componenti di fitofarmaci presenti in basse concentrazioni negli ambienti acquatici. Allo scopo di mettere a punto una forma di saggio biologico di basso costo e di comodo utilizzo anche con un grande numero di campioni, senza

Anteprima della Tesi di Manuela Riboldi

Anteprima della tesi: Degradazione e valutazione degli effetti sui microrganismi di una miscela di erbicidi sulfonilureici, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Manuela Riboldi Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2174 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.