Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Apocalisse: senso della fine e mondo globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

sociali o culturali. Il senso di smarrimento, di precarietà e di incertezza angosciosa avvertito per il presente e per il futuro può generare la credenza che una immane catastrofe si stia inesorabilmente avvicinando, comportando la totale dissoluzione e l’annullamento del mondo; a questa idea di fine si accompagnano stati di ansia, sconforto, terrore, ma anche sentimenti di tensione verso un cambiamento repentino, radicale ed irreversibile dell’ordine esistente, verso un mondo nuovo, più giusto e più armonioso. Sono questi i tratti distintivi dell’apocalisse, immagine biblica di ascendenza giudaico-cristiana, che dall’antichità fino ad oggi, ha permeato la cultura e la mentalità collettiva occidentale. Al paradigma apocalittico quale metafora di fine e nuovo inizio, morte e rinascita, distruzione e salvezza, si intreccia il mito millenaristico di un’era di pace e prosperità, beatitudine e giustizia, che dovrà seguire alla Seconda Venuta di Cristo: quest’ultimo, secondo le profezie apocalittiche di Giovanni ( dal Libro dell’Apocalisse), scenderà “presto” sulla terra per instaurarvi il suo regno celeste della durata di mille anni. L’attesa del Millennio, così come quella apocalittica, è caratterizzata da segni, sventure e catastrofi preannuncianti l’ultima, definitiva catastrofe globale che sancirà la fine ineluttabile di tutti i tempi; tale fine, accompagnata dal Giudizio divino di dannazione o di salvezza per ciascuno, sarà il preludio di un nuovo inizio per i santi e per i giusti. Per questo motivo, il Millennio ha riscosso un successo crescente fra gli umili, gli afflitti e gli oppressi di luoghi ed epoche storiche diverse e lontane, accomunati dal desiderio e dalla certezza di un riscatto finale che li liberasse definitivamente dall’angoscia presente. L’apocalisse ha rappresentato un modello per le dottrine rivoluzionarie: Michael Walzer vede in essa le origini del radicalismo puritano inglese e del radicalismo politico in genere. In effetti, il pensiero millenaristico ha supportato ideali di 4

Anteprima della Tesi di Katiuscia Tiberi

Anteprima della tesi: Apocalisse: senso della fine e mondo globale, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Katiuscia Tiberi Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2490 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.