Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Apocalisse: senso della fine e mondo globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

carattere tragicamente paradossale: l’umanità ha ora acquisito, come mai prima nella storia, la possibilità di autodistruggersi mediante l’impiego della potenza tecnica che essa stessa ha generato. L’ottimismo diffusosi in seguito al crollo del regime sovietico e alla fine della guerra fredda, espresso da Francis Fukuyama nel notissimo La fine della storia e l’ultimo uomo, viene smentito dalle tesi di Samuel P. Huntington che sembrano trovare conferma nel settembre 2001: non a caso la fortuna del suo libro in Italia ha inizio proprio in quella data. Nel suo Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale l’autore sostiene, infatti, che la rivalità politico-ideologica fra le superpotenze “è stata soppiantata dallo scontro di civiltà.” Speranze e timori si sono ripresentati con l’approssimarsi dell’anno Duemila che si è creduto, avrebbe potuto costituire una svolta, non solo di secolo o di millennio, ma una svolta nella storia umana, un traguardo da raggiungere e nello stesso tempo un nuovo punto di partenza, una fine e un riinizio; come se da quella data si potesse cominciare a pensare tutto diversamente e ad agire in modo da porre rimedio ad alcuni terribili e sempre più inquietanti mali che minacciano l’umanità: disastri ecologici e gravi rischi ambientali legati all’inquinamento; crescente divario fra Paesi ricchi e Paesi poveri; terrorismo e potenziali guerre nucleari, ecc. La sensazione di incertezza e di vulnerabilità derivante da fenomeni e pericoli tanto allarmanti determina il riemergere di ansie e tremori apocalittici. Riflettendo sull’attuale rinascita religiosa, mi sono soffermata sull’esame dei fondamentalismi, riscontrando in essi la presenza di evidenti elementi di continuità con l’ideologia millenaristica medievale: in particolare, si rintraccia nell’islamismo fondamentalista la distinzione drammatizzata fra forze del bene e forze del male; l’individuazione nell’Occidente del principale nemico da abbattere, la cui eliminazione costituisce l’indispensabile presupposto per la 7

Anteprima della Tesi di Katiuscia Tiberi

Anteprima della tesi: Apocalisse: senso della fine e mondo globale, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Katiuscia Tiberi Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2493 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.