Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia della Ducati: da ''Società Scientifica Radio Brevetti Ducati'' a ''Ducati Motor Holding''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 l’unificazione. E non fu il solo, perché anche San Lazzaro di Savena e Casalecchio di Reno si opposero. Il processo aggregativo, nonostante lo spalleggiamento degli industriali e l’affiancamento nell’opera di persuasione del Prefetto del Capoluogo, non decollò. Ci volle l’insediamento del Podestà Angelo Manaresi per spingerlo ad una concreta accelerazione. Manaresi era il fautore della “grande Bologna” del 1926, ed era legato a doppio filo all’ambiente degli industriali. Nel 1934 disse ben chiaro che <<è assolutamente assurdo pensare che la città possa limitare il suo sviluppo alla vecchia cerchia comunale già superata da numerosissime costruzioni disordinatamente nate, senza alcun piano organico, sicché la periferia di Bologna appare, anche oggi, in uno stato caotico>>. 12 II.2 – La nuova casa L’ambizioso progetto originario dei tre fratelli - costruire tutte le parti di un apparecchio radio per giungere all’assemblaggio definitivo – stava prendendo forma. Per portarlo avanti in grande stile era diventato necessario migliorare la capienza e la razionalità degli impianti di produzione. La scelta fu radicale: la costruzione ex novo di un impianto grande e modernissimo sulla superficie di 120.000 mq acquistata dalla Società nel 1935. Il terreno scelto era alle porte di Bologna, giusto a fianco della secolare via Emilia, in un paese chiamato Borgo Panigale. Posizione favorevolissima, crocevia fra Milano e la Romagna, prossima alla strada che – attraverso gli Appennini – conduce a Firenze e a Genova. La situazione 12 Dalla Relazione dell’On. Podestà sul bilancio preventivo del 1934, in L. ARBIZZANI, Borgo Panigale dopo…, p. 33.

Anteprima della Tesi di Alessandro Marchi

Anteprima della tesi: Storia della Ducati: da ''Società Scientifica Radio Brevetti Ducati'' a ''Ducati Motor Holding'', Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Marchi Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7615 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.