Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pattern di attaccamento e disturbi del comportamento alimentare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Capitolo I Disturbi del comportamento alimentare 1.1 Cenni storici Per Disturbi del Comportamento Alimentare intendiamo attualmente due principali patologie: l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa. La letteratura sull’anoressia nervosa è particolarmente ricca sin dal XVII secolo. Sotto la denominazione di anoressia mentale furono descritte altre forme di inanizione psicogena la cui inclusione ha confuso e complicato il problema diagnostico e prognostico. Probabilmente già nel Medio Evo erano presenti casi di anoressia mentale, ma la paternità del primo contributo sull’argomento è da attribuirsi al medico inglese Morton che nel XVII° secolo descrisse alcuni casi di perdita dell’appetito e delle funzioni digestive accompagnate da amenorrea, stitichezza, dimagrimento, iperattività e rifiuto di ogni forma di cura che etichettò con il nome di “atrofia o consunzione nervosa”. Morton ipotizzò che alla base di questo quadro sintomatico vi fossero delle sofferenze morali. Due secoli dopo (XIX° secolo), l’anoressia diventa una moderna entità clinica. Lasèque (1873), un medico francese, parlerà di anoressia isterica, Huchard (1883) di anoressia mentale. Gull (1873) per la

Anteprima della Tesi di Matteo Salvatori

Anteprima della tesi: Pattern di attaccamento e disturbi del comportamento alimentare, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Matteo Salvatori Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22250 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.