Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pattern di attaccamento e disturbi del comportamento alimentare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 casi si tratta di ragazze figlie uniche e di livello sociale piuttosto elevato. La perdita di peso è ottenuta con la riduzione della quantità totale di cibo assunta; spesso tale restrizione avviene a seguito di uno shock emotivo o di un conflitto psicologico. Di solito tale malattia non ha un esordio acuto ossia i soggetti si limitano ad una semplice selezione degli alimenti escludendo i cibi ipercalorici, seguendo magari una dieta. Poi la restrizione investe tutta una serie di alimenti fino a quando l’alimentazione viene limitata a poche categorie di cibi. Inoltre tutta una serie di disturbi digestivi minori, come pesantezza, stipsi e nausea possono rinforzare il comportamento anoressico: ad esempio la condotta anoressica viene attuata di nascosto dai familiari, tanto che la ragazza evita di consumare i pasti con il resto della famiglia agli orari abituali. Il dimagrimento coinvolge l’intero corpo e conferisce alla paziente un aspetto impressionante con un viso pallido, occhiaie, guance scavate; la pelle diviene secca, piena di rughe, i capelli si sciupano, le estremità degli arti sono fredde e la cianosi è piuttosto evidente. “Anoressia” significa perdita dell’appetito ma è chiaro che inizialmente si tratta di un rifiuto attivo del cibo e la sensazione di fame è ben presente: solo in seguito si arriva ad una vera e propria perdita dell’appetito. Il controllo del peso diviene lo scopo quotidiano dell’anoressica ed il mantenimento del peso può essere perseguito anche con condotte di eliminazione tramite il vomito autoindotto, l’uso di lassativi e diuretici ed una smodata attività fisica, accompagnata ad un eccessivo investimento intellettuale, scolastico ed una condotta ascetica che incita a trascurare il corpo a beneficio dello spirito; nonostante la perdita di peso, persiste il terrore di essere o diventare grassi. Solitamente queste ragazze non ammettono la loro magrezza e

Anteprima della Tesi di Matteo Salvatori

Anteprima della tesi: Pattern di attaccamento e disturbi del comportamento alimentare, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Matteo Salvatori Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22249 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.