Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’influenza di rabbia, paura e memoria sul comportamento alimentare: uno studio metodologico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Ciò significa che l'amigdala da corso comunque e subito alle reazioni somatiche per prepararsi al potenziale pericolo, per discriminare poi più in dettaglio lo stimolo percettivo, che potrebbe anche rivelarsi un falso allarme. Le Doux propone questo esempio: “Cammino in un bosco e scorgo qualcosa di sottile e flessuoso simile a un serpente; questo stimolo poco definito raggiunge in modo quick and dirty (velocemente e con informazioni poco dettagliate) per la via bassa l'amigdala che attiva subito, via ipotalamo e sistema nervoso autonomo, le reazioni somatiche immediate di allarme. Allo stesso tempo, per la via alta, lo stimolo è elaborato più in dettaglio e giunge poi nuovamente all'amigdala meglio definito, permettendo di valutare più accuratamente se si tratti proprio di un serpente (e non di un innocuo ramoscello)”. Dal concorso di entrambi i processi (via bassa e via alta) dipenderà un apprendimento emotivo, mentre la maggiore velocità del primo ha un immediato valore di sopravvivenza. LeDoux svolge ulteriori studi in cui sviluppa l'ipotesi nella quale l'interazione ippocampo-amigdala, relativa alla rete di connessioni indipendenti di ciascuna di queste con il resto del cervello, sia la questione critica per comprendere il processo delle memorie emotive. Il sistema dell'amigdala presiederebbe alla memoria emotiva implicita (emotional memory), mentre il sistema dell'ippocampo alla memoria esplicita relativa all’esperienza emotiva (memory of an emotion) per le emozioni di paura e di rabbia. Nel caso in cui l’amigdala venga rimossa, il risultato sarebbe un’evidente incapacità di valutare il significato emotivo degli eventi, acquisendo così una sorta di cecità affettiva. L’attività dell’amigdala permette così di associare l’espressione delle emozioni ai cambiamenti del sistema neurovegetativo (Cardinal, 2002). Nella fattispecie, i

Anteprima della Tesi di Alberto Grassi

Anteprima della tesi: L’influenza di rabbia, paura e memoria sul comportamento alimentare: uno studio metodologico, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Alberto Grassi Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8737 click dal 17/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.