Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’influenza di rabbia, paura e memoria sul comportamento alimentare: uno studio metodologico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 c) Ponte di Varolio: rappresenta la porzione del tronco encefalico situata ventralmente al cervelletto e compresa tra mesencefalo e midollo allungato, posta sopra al bulbo. Risulta fondamentalmente costituito dai peduncoli cerebrali e da fasci di fibre nervose che collegano il cervelletto ad altri centri nervosi. Il ponte è attraversato da vie nervose piramidali (cellule nervose caratteristiche della corteccia cerebrale), sensitive, acustiche e vie motorie destinate ai muscoli oculari. Esso include nel suo tessuto alcuni nuclei nervosi di sostanza grigia, i principali dei quali appartengono a tre nervi cranici, l’abducente, il facciale e il trigemino. Una delle funzioni primarie del ponte è quella di trasportare informazioni relative al movimento che provengono dagli emisferi cerebrali e sono destinate al cervelletto. d) Cervelletto: è situato nella parte postero-inferiore della cavità cranica ed è diviso in due emisferi, detti emisferi cerebellari, indicati anche con il termine di neocerebello. Esternamente è percorso da solchi longitudinali, fra loro paralleli che lo dividono in lobuli e lamelle. È collegato a diverse strutture del SNC e più specificatamente al mesencefalo mediante peduncoli cerebellari superiori, al ponte di Varolio dai peduncoli cerebellari medi e al midollo allungato dai peduncoli cerebellari inferiori. La corteccia cerebellare, formata da sostanza grigia, è costituita da tre strati: esterno o molecolare, intermedio o delle cellule del Purkinje e interno o granulare, costituito da piccoli neuroni. Entro la corteccia si ramifica la sostanza bianca in cui si trovano nuclei di sostanza grigia. Il cervelletto è un organo di ricezione di impulsi sia sensitivi propriocettivi provenienti dai muscoli e tendini sia esterocettivi (stimoli tattili, acustici, visivi). E’ capace di influenzare i nervi motori e i centri associativi encefalici e modificarne la soglia di eccitabilità. Viene perciò definito il grande

Anteprima della Tesi di Alberto Grassi

Anteprima della tesi: L’influenza di rabbia, paura e memoria sul comportamento alimentare: uno studio metodologico, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Alberto Grassi Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8739 click dal 17/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.